Menu
Cerca

Bimba ingoia pila medico indagato

La piccola ha rischiato di perdere la vita nel tragitto fra l'ospedale di Ciriè e il Regina Margherita.

Bimba ingoia pila medico indagato
Cronaca Ciriè, 07 Novembre 2017 ore 12:38

Bimba ingoia pila:  indagato per negligenza il medico del pronto soccorso di Ciriè.

Bimba ingoia pila, medico deferito

Prende una posizione netta il direttore dell’Asl To4 Lorenzo Ardissone nel caso della piccola che ha rischiato di morire dopo essere stata dimessa dall’ospedale di Ciriè, benchè inviata al Regina Margherita di Torino.
“Il comportamento del medico del pronto soccorso dell’ospedale di Ciriè nel caso occorso alla piccola paziente è stato connotato dall’inosservanza assoluta delle linee guida e procedure di pronto soccorso ed è perlomeno negligente. Di conseguenza, il primario di Pronto Soccorso dell’ASL TO4 lo deferirà alla Commissione di disciplina per l’avvio del procedimento nei suoi confronti, al termine del quale saranno adottati i provvedimenti del caso”- dichiara il Direttore generale dell’ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone.

I fatti

Tutto  accade nel pomeriggio di sabato 28 ottobre. La piccola 6 anni appena ingoia quella che in un primo momento dice essere una monetina. Subito portata al pronto soccorso di Ciriè dal padre la piccola non sembra destare particolare preoccupazione. Segni vitali nella norma, la bambina è vigile, risponde correttamente alle domande e il respiro non è affannato. Gli esami radiologici confermano la presenza del corpo estraneo, anche la forma è compatible con la monetina. Il medico di turno allerta il Regina Margherita per concordare l’invio della piccola per la rimozione del corpo estraneo.

Il viaggio in auto

Nonostante la disponibilità dell’ambulanza il medico dimette la bambina e la affida al padre perchè la accompagni al nosocomio torinese. Durante il tragitto, sulla tangenziale verso Torino inizia l’incubo. Il padre è costretto a fermare la macchina tre volte per rianimare la figlia che aveva perso i sensi e non rispondeva più alle sollecitazioni. Vomitava e non rispondeva.

Una volta giunti al Regina Margherita la scoperta: l’oggetto ingoiato dalla piccola non era una monetina, bensì una pila. La pila si era deteriorata e aveva perso il liquido corrosivo al suo interno provocando seri danni agli organi della piccola e mettendo in serio pericolo la sua vita.

Dalla famiglia fanno sapere che ora la bambina sta meglio e le sue condizioni sono monitorate costantemente.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli