Cronaca
Raccolta firme

Busano-Pertusio: Partita una petizione per far restare don Gianluca

Il parroco che attualmente si divide tra Busano, Pertusio ed il Santuario di Belmonte dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) prendere in carico alcune delle comunità della Val Gallenca.

Busano-Pertusio: Partita una petizione per far restare don Gianluca
Cronaca Alto Canavese, 31 Maggio 2020 ore 13:25

La notizia per ora è solo «ufficiosa», ma ha già scatenato non pochi malumori, in particolare nella comunità di Busano. Don Gianluca Capello, arrivato da circa nove mesi nelle parrocchia busanese e in quella di Pertusio, sarebbe destinato al trasferimento. Partita una petizione per far restare don Gianluca.

Una petizione per far restare don Gianluca

Una «mezza rivoluzione» in seno alle realtà della Curia torinese, propedeutica alla copertura di alcune posizioni «vacanti» venutesi a creare negli ultimi mesi. Arrivato nel settembre del 2019 e chiamato per sostituire don Renato Vicari, per diverse stagioni capo spirituale della Parrocchia di San Tommaso Apostolo, don Gianluca è stato capace di farsi sin da subito apprezzare non solo dagli adulti, ma anche da moltissimi giovani. Ed ora la notizia di un suo prossimo trasferimento (previsto, si vocifera, per il mese di luglio) ha smosso le comunità di Busano e Pertusio, che hanno deciso di dare vita ad una petizione, in maniera da chiedere di fare un passo indietro.

Le parole del sindaco

«E’ vero che non possiamo interferire con quelle che sono le scelte della Curia - interviene sull’argomento il sindaco di Busano, Giambattistino Chiono - essendo questioni di chiesa relative alle esigenze della stessa. Certo che siamo amareggiati tutti, in primis il sottoscritto, perché a soli nove mesi dall’arrivo di don Gianluca, che ha saputo immediatamente instaurare con la comunità un ottimo dialogo, sapere del suo trasferimento ci dispiace profondamente». Proprio il Comune, insieme ad altre realtà cittadine, come ad esempio la Protezione civile ed i componenti del gruppo parrocchiale, hanno così deciso di indire una raccolta firme.

L'iniziativa

La quale ha ottenuto sin dai primi giorni un enorme adesione: «Domenica, in occasione della prima Messa “a porte aperte” dopo il blocco delle funzioni per colpa del Covid, dentro la chiesa e fuori si sono ritrovati oltre un centinaio di fedeli, che hanno aderito in massa a questa iniziativa. Mi ha fatto piacere anche che parecchi giovani abbiano chiesto pure loro di firmare, perché si sono affezionati a don Gianluca». Il parroco che attualmente si divide tra Busano, Pertusio ed il Santuario di Belmonte dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) prendere in carico alcune delle comunità della Val Gallenca, mentre i parroci di Valperga e Favria andrebbero a ricoprire il suo posto nelle altre due realtà dove è attualmente. «Completata la raccolta firme - aggiunge Chiono - chiederemo un incontro alla Curia per ribadire il nostro dispiacere nel sapere di tale cambio. Quanto stiamo facendo in questi giorni forse non muterà le cose, ma almeno farà capire quanto forte e radicato sia il rapporto che si è instaurato con il nostro parroco».