Casa del Cane Vagabondo, il rifugio distrutto dal maltempo chiede aiuto

L'appello dei volontari.

Casa del Cane Vagabondo, il rifugio distrutto dal maltempo chiede aiuto
Lanzo e valli, 05 Giugno 2018 ore 12:58

Casa del Cane Vagabondo di Barbania lancia un appello perchè chi ha la possibilità aiuti a ripristinare la struttura gravemente danneggiata mercoledì scorso dal maltempo.

Casa del Cane Vagabondo

La struttura, che ospita molti animali in cerca di casa, in difficoltà e non, è stata distrutta dal violento nubifragio che si è abbattuto sul Canavese lo scorso mercoledì 30 maggio. I volontari della struttura chiedono aiuto, a chi abbia la possibilità, per rimettere in piedi stalle e cucce che ospitavano gli animali.

L’appello

Gentili amici dei pelosi, abbiamo il morale a terra, siamo sconfortati, amareggiati, non abbiamo più lacrime da versare”, così inizia il triste appello dei volontari del rifugio La Casa del Cane Vagabondo di Barbania. Mercoledì 30 maggio un terribile nubifragio si è abbattuto sul rifugio sradicando alberi e distruggendo tutto con una terribile forza. La struttura ha subito gravi danni fortunatamente però nessun animale è rimasto ferito. L’appello lanciato sui social ha subito ricevuto risposta e un buon numero di volontari si sono recati sul luogo per dare un aiuto in qualunque modo possibile.
Venerdì 1 giugno sono iniziati i lavori di riqualificazione della struttura grazie al fondamentale aiuto del CAI di Lanzo e di due persone che sono intervenute mantenendo l’anonimato. Solo in un secondo tempo i soci volontari del rifugio hanno scoperto la loro identità. Si tratta di Rangers d’Italia operativi nel Canavese. Il CAI in collaborazione con i Rangers si sono occupati di una parte del taglio dei pioppi. Il primo intervento ha reso possibile lo svolgimento dell’evento in programma sabato 2 giugno, una giornata piacevole che ha ricevuto una forte adesione alla passeggiata canina del pomeriggio. Purtroppo la gara podistica ha, invece, raccolto poche iscrizioni. Al momento la necessità di aiuto è sempre alta, l’appello è rivolto alle persone volenterose che abbiano le competenze necessarie per ripristinare le casette di legno esterne destinate al ricovero di cani, caprette e pony, attualmente distrutte a causa della caduta dei pioppi.
Per informazioni chiamare Patrizia al 339 63 41 390.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità