violenza di genere

Centri antiviolenza e case rifugio per donne maltrattate, Marocco scrive ai sindaci canavesani

Centri antiviolenza e case rifugio per donne maltrattate, Marocco scrive ai sindaci canavesani
Alto Canavese, 13 Ottobre 2020 ore 12:29

Centri antiviolenza e case rifugio per donne maltrattate: il vicesindaco metropolitano Marocco scrive ai Sindaci del Canavese.

Centri antiviolenza e case rifugio per donne maltrattate

L’impegno contro la violenza di genere – così come le cronache pressoché quotidianamente evidenziano – è quanto mai urgente. Molte sono le iniziative e i progetti in sostegno alle vittime di violenza a cui la Città metropolitana di Torino ha dato il proprio sostegno negli anni.

Programmi rivolti agli autori di violenza

Tra gli altri, il coordinamento della Rete Azione Cambiamento del “Tavolo per progetti finalizzati al cambiamento degli autori di violenza” che mette in rete Comuni, forze dell’ordine ed associazioni che offrono programmi rivolti agli autori di violenza.

CCCVD

La Città metropolitana ha anche aderito da anni, ricoprendone la vicepresidenza, al Coordinamento Cittadino Contro la Violenza alle Donne (CCCVD), un organismo istituito dalla Città di Torino per contrastare il fenomeno della violenza contro le donne.

Punto a capo

Proprio nell’ambito di questo coordinamento, la Città metropolitana ha accolto le istanze espresse dal centro antiviolenza presente nel territorio del Comune di Chivasso e gestito dall’associazione Punto a Capo: si tratta di un centro antiviolenza operativo su tutto il territorio del Canavese per offrire accoglienza alle donne vittime di violenza, che provengono da numerosi comuni delle zone omogenee del Canavese, Eporediese e Chivassese.

A causa del distanziamento sociale imposto dal Covid19, gli spazi per l’accoglienza delle donne vittime di violenza e – dove presenti – dei minori, già limitati, si sono ulteriormente ridotti a causa del doveroso rispetto delle norme di sicurezza.

Le parole di Marocco

“La Città metropolitana – ha spiegato il vicesindaco Marco Marocco – ha immediatamente avviato al suo interno un esame del patrimonio disponibile per verificare la possibilità di dare risposta positiva a questa esigenza”. “Riscontrata l’assenza da parte nostra di spazi adeguati – continua Marocco – ho ritenuto necessario farmi promotore di un’opera di sensibilizzazione verso i Sindaci dei Comuni delle aree omogenee del territorio Canavesano ed Eporediese, chiedendo a loro di verificare la disponibilità di locali idonei ad ospitare Centri antiviolenza o Case rifugio”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità