Menu
Cerca
provvedimento

Chi va a caccia può uscire dal proprio comune di residenza anche a Natale e Capodanno

Lo ha chiarito la Regione Piemonte in una nota.

Chi va a caccia può uscire dal proprio comune di residenza anche a Natale e Capodanno
Cronaca Lanzo e valli, 15 Dicembre 2020 ore 09:05

Chi va a caccia può uscire dal proprio Comune di residenza, anche nei giorni in cui è vietato.

Chi va a caccia

Lo ha chiarito la Regione Piemonte in una nota inviata alle prefetture, alle province e ai comprensori faunistici.

E’ possibile in quanto il contenimento della fauna selvatica si configura come “stato di necessità, al fine di limitare i danni alle colture, nonché mitigare il potenziale pericolo per la pubblica sicurezza e per conseguire l’equilibrio faunistico venatorio”.

Curisi il fatto che la deroga per i cacciatori riguardi anche il giorno di Santo Stefano, che cade di sabato (non il giorno di Natale e di Capodanno perché sono di venerdì che, insieme al martedì, è giorno di “silenzio venatorio”) per cacciare i cinghiali, cervi, caprioli, cornacchie nere e grigie, gazze, volpi e minilepri.