Confagricoltura Piemonte: i cinghiali vettori della peste suina in Europa

Confagricoltura Piemonte ricorda come la peste suina sia trasmessa anche dai cinghiali, così come evidenziato dal parere scientifico del rapporto dell’EFSA.

Confagricoltura Piemonte: i cinghiali vettori della peste suina in Europa
Rivarolo, 23 Settembre 2018 ore 10:05

Casi di peste suina in Europa: i vettori sono i cinghiali. Confagricoltura Piemonte: è urgente contenere il proliferare eccessivo di fauna selvatica.

Confagricoltura Piemonte

“I nuovi casi di peste suina che si stanno manifestando in diversi Stati membri europei sono un serio problema che per ora non coinvolge l’Italia e le sue produzioni di prosciutti, salumi ed insaccati di eccellenza. Bisogna però porre in essere tutte le misure di controllo e prevenzione necessarie”. Confagricoltura Piemonte ricorda come la peste suina sia trasmessa anche dai cinghiali, così come evidenziato dal parere scientifico del rapporto dell’EFSA (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) del 12 giugno scorso.

Casi di Peste suina

“Ci sono troppi selvatici, in particolare ungulati, che causano gravissimi danni all’ambiente, all’agricoltura e alla sicurezza delle persone: per questo – sostiene Confagricoltura Piemonte – è necessaria l’immediata attivazione, nel nostro Paese, delle misure preventive più efficaci previste dall’ EFSA per contenere il rischio di propagazione dell’epidemia, ovvero piani coordinati di prelievo selettivo”.

Problema annoso

Confagricoltura Piemonte ricorda che cinghiali, nutrie, lupi sono causa di incidenti stradali e di rovinose distruzioni di raccolti. “Sono anni che continuiamo a evidenziare il problema – dichiara Enrico Allasia, presidente regionale dell’organizzazione degli imprenditori agricoli - che soltanto all’agricoltura provoca danni per oltre 2 milioni di euro all’anno, ma i nostri appelli sono rimasti finora inascoltati”.

Controllo specie selvatiche

Per garantire una più efficace e capillare prevenzione, attraverso il modello EFSA, è necessario disporre di molte persone ad essa dedicata. Per questo Confagricoltura Piemonte chiede da tempo che siano autorizzati gli stessi agricoltori come coadiutori nei piani di abbattimento. Gli agricoltori sono distribuiti su tutto il territorio. Possono contribuire attivamente ed efficacemente al controllo della popolazione delle specie selvatiche.