Bosconero

Contadino aggredisce addetto alle rogge e carabinieri

L'agricoltore non aveva diritto all'utilizzo delle acque pubbliche: non voleva far parte del consorzio e non pagava la quota.

Contadino aggredisce addetto alle rogge e carabinieri
Cronaca Rivarolo, 22 Agosto 2021 ore 13:45

Contadino aggredisce il “roggiaio” che non gli permetteva l’uso delle acque irrigue e se la prende anche con i carabinieri intervenuti in soccorso dell'uomo.

Contadino aggredisce

E' successo a Bosconero dove sono dovuti intervenire i militari delle Stazioni di Volpiano e Montanaro per cercare di riportare (a fatica) alla calma un contadino. Nei pressi di un fondo agricolo il proprietario, un uomo classe 1967, a seguito di una lite nata per l’indebito utilizzo delle acque per irrigazione, aveva malmenato e colpito con dei pugni ed aveva minacciato con un coltello e una catena in ferro il responsabile della gestione delle acque del distretto di Bosconero.

La richiesta di aiuto

Visto il precipitare delle cose è stata subita inoltrata una richiesta di intervento ai carabinieri che prontamente sono giunti sul posto. Ma neanche alla vista dei militari l'uomo si è tranquillizzato, anzi. Anche gli stessi militari dell’Arma sono stati aggrediti dall’imprenditore agricolo, il quale, però, è stato in breve immobilizzato. Non però senza aver ferite in modo serio ad un braccio un milite.

Guai seri

Ora, l'uomo dovrà rispondere di diversi reati dalle lesioni all'oltraggio a pubblico e ufficiale e dovrà spiegare il perché del proprio atteggiamento al magistrato di turno, accompagnato dal proprio legale.  Tra l’altro, all’imprenditore agricole, era stato interdetto l’uso delle acque irrigue pubbliche da una sentenza del Tribunale emessa tempo addietro, proprio perché l’uomo non voleva far parte, per sua libera scelta, al Consorzio e pagarne, quindi, l’affiliazione. Dunque, per questo motivo il responsabile del distretto di Bosconero, accompagnato da un collega, si era recato nell’appezzamento del contadino, che ha reagito, poi, in quella maniera scomposta colpendolo e procurandogli una ferita alla schiena e, subito dopo, al braccio del carabiniere.