Cronaca
pnrr

Dalla lotteria Pnrr pioggia di milioni per Rivarolo e Cuorgnè

L'asilo "Girotondo" ristrutturato e nuova mensa per la scuola di Argentera

Dalla lotteria Pnrr pioggia di milioni per Rivarolo e Cuorgnè
Cronaca Rivarolo, 27 Agosto 2022 ore 13:54

Dalla lotteria Pnrr pioggia di milioni per Rivarolo e Cuorgnè

L'asilo "Girotondo" ristrutturato e nuova mensa per la scuola di Argentera

Un asilo nido - il Girotondo - ristrutturato e una nuova mensa per la scuola di Argentera. E’ quanto - e non è poco - Rivarolo, o meglio, l’assessore ai lavori pubblici Lara Schialvino è riuscita (per ora) a portare a casa dal «Piano per asili nido e scuole dell’infanzia e servizi di educazione e cura per la prima infanzia", del Piano nazionale di ripresa e resilienza, finanziato dall’Unione europea – Next Generation EU», tradotto: il Pnrr. Il tutto contenuto nei capitolo della Missione 4 – Istruzione e Ricerca – che ha come obiettivo il potenziamento dell’offerta dei servizi di istruzione: dagli asili nido alle Università. Far crescere, cioé, l’offerta di servizi educativi sia per la fascia 0-2 (asili nido), sia per la fascia 3-6 (scuole dell’infanzia), grazie alla realizzazione di nuovi spazi o alla messa in sicurezza di strutture già esistenti, come nel caso di Rivarolo, appunto.

I progetti

Per l’Italia sono stati stanziati 2,4 miliardi di euro per gli asili nido e 600 milioni per le scuole dell’infanzia e i progetti dovevano essere presentato entro il 28 febbraio 2022, poi prorogati al 31 marzo. Così come ha fatto l’ufficio tecnico di palazzo Lomellini riuscendo ad ottenere un contributo  di 1.338.393 di euro per la riqualificazione funzionale e messa in sicurezza di edifici scolastici destinati ad asili nido e scuole di infanzia che consentano il recupero della struttura per la creazione di nuovi posti. «Proprio così», conferma Lara Schialvino che ad inizio anno ha seguito in prima persona l’iter che ha portato oggi il Comune all’«incasso».  Di denaro che verrà riversato sulla struttura «Il Girotondo» di viale Rocco Meaglia, confinante con il parco del Castello Malgrà. «Faremo una revisione dell’intera struttura - spiega la titolare alla delega ai lavori pubblici -. Puntando in maniera particolare sull’efficienza energetica. Sostituiremo i serramenti e realizzeremo il “cappotto” esterno. Interverremo, cambiandola, sulla copertura esistente che oggi è in fibra di cemento che verrà rimossa in luogo di una nuova più isolante. In buona sostanza agiremo sulla “componente opaca” della struttura, ovvero i muri e tetti». In buona sostanza Il Girotondo è destinato a diventare un nido «green». Non solo. «Interverremo anche per aumentarne la sicurezza dal punto di vista sismico e ottimizzeremo l’impiantistica installando pompe di calore e pannelli fotovoltaici sulla copertura»; la struttura, così, sarà energicamente più indipendente. Allo stesso tempo è in arrivo anche mezzo milione di euro per la realizzazione di nuova mensa presso la scuola primaria «Silvio Caligaris» in frazione Argentera”. In realtà l’intervento costerà 688.500 di euro, ma dai fondi europei ne arriveranno 500mila, «il resto lo integreremo con fondi nostri», assicura Lara Schialvino. E questo progetto inizialmente era stato sì accettato, ma con riserva che è stata poi sciolta con l’integrazione di alcuni documenti con cui si è sbloccato il procedimento e pertanto la scuola di Argentera, dal prossimo anno scolastico, potrà contare su uno spazio nuovo di zecca (di 101 metri quadri) dove poter far consumare il pranzo ad alunni e personale scolastico; più una cucina di 25 metri quadri; tutta una serie di locali tecnici il tutto collegati al corpo centrale della scuola con una manica-corridoio di 44 metri quadri.

Non solo Rivarolo

Ma Rivarolo, in Canavese, non è l’unica amministrazione a poter godere dei finanziamenti del Piano di resilienza perché a Cuorgné si attende di poter utilizzare 2.500.000 di euro per ricostruire le scuole materne e l’asilo nido di via brigate Partigiane. Il progetto presentato dal Comune di Cuorgnè è stato ammesso con riserva. «Attendiamo ora una richiesta ufficiale di chiarimenti, da parte del  Ministero», fa sapere Laura Ronchietto Silvano, assessore all’istruzione. Il progetto presentato prevede la demolizione e ricostruzione del plesso scolastico di via B.  Partigiane, che racchiude l’asilo nido comunale “Gli sbirulini” e la scuola materna “ Peter Pan”. Altri 970.000, invece, sono stati assegnati  all’Unione di Comuni Montani Valchiusella per la costruzione di una nuova scuola. Così come a Cirié (2.300.000 €) e Noe Canavese (992.132 €).

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter