Menu
Cerca

Denaro nascosto nello shampoo: recuperati 900mila euro

Soldi nelle fodere interne dei trolley, all’interno delle cinture o addirittura nel flacone dello shampoo. Veri e propri stratagemmi quelli scoperti dalla Guardia di Finanza di Torino che, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane, da inizio anno, hanno individuato, presso lo scalo “Sandro Pertini” di Caselle, un’ottantina di soggetti che hanno tentato di non dichiarare valuta in contanti per oltre 900.000 euro. La stragrande maggioranza dei fermati proveniva dal continente asiatico, quelli in partenza, invece, erano diretti ad Istanbul, in Turchia.

Denaro nascosto nello shampoo: recuperati 900mila euro
Cronaca 28 Luglio 2017 ore 10:10
Soldi nelle fodere interne dei trolley, all’interno delle cinture o addirittura nel flacone dello shampoo. Veri e propri stratagemmi quelli scoperti dalla Guardia di Finanza di Torino che, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane, da inizio anno, hanno individuato, presso lo scalo “Sandro Pertini” di Caselle, un’ottantina di soggetti che hanno tentato di non dichiarare valuta in contanti per oltre 900.000 euro. La stragrande maggioranza dei fermati proveniva dal continente asiatico, quelli in partenza, invece, erano diretti ad Istanbul, in Turchia.
Soldi nelle fodere interne dei trolley, all’interno delle cinture o addirittura nel flacone dello shampoo. Veri e propri stratagemmi quelli scoperti dalla Guardia di Finanza di Torino che, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane, da inizio anno, hanno individuato, presso lo scalo “Sandro Pertini” di Caselle, un’ottantina di soggetti che hanno tentato di non dichiarare valuta in contanti per oltre 900.000 euro. La stragrande maggioranza dei fermati proveniva dal continente asiatico, quelli in partenza, invece, erano diretti ad Istanbul, in Turchia. Ingegnoso come dicevamo, il metodo di occultamento escogitato dai corrieri di valuta che nel tentativo oltrepassare i controlli hanno, in alcuni casi, immerso le banconote nei flaconi profumati di shampoo e bagno schiuma; tutti tentativi vani, visto l’infallibile fiuto del cash dog Zeby, in servizio presso lo scalo Sabaudo. Le banconote, sapientemente arrotolate, introdotte in comuni tubicini di plastica, impiegati normalmente nella protezione dei cavi elettrici, resi assolutamente impermeabili nelle due estremità dalla curata apposizione di nastro isolante, venivano successivamente immersi nel liquido profumato contenuto nei diversi flaconi di igiene personale. Così facendo il profumo dei soldi assumeva diverse sfumature a seconda delle essenze contenute nello shampoo e nei doccia schiuma, tanto da inebriare l’ambiente di un pot pourri di odori che andavano dal cocco alla vaniglia, dalla lavanda al biancospino piuttosto che all’olio di argan.
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli