Menu
Cerca
DAD ALTERNATIVA

Dirigente scolastico si ribella alla DAD e dorme a scuola

In questo modo i ragazzi possono connettersi con un mondo a loro famigliare: l'aula. Inoltre, gli insegnanti possono usare la lavagna e i materiali che a casa non avrebbero.

Dirigente scolastico si ribella alla DAD e dorme a scuola
Cronaca Torino, 10 Marzo 2021 ore 07:01

Sacco a pelo e sdraio non sotto le stelle, ma dentro la sua scuola: ha dormito così Stefano Capello da 12 anni direttore scolastico dell’Istituto paritario La Salle di Grugliasco, da lunedì scorso in fascia arancione rinforzato e quindi con didattica a distanza al 100%. Lo raccontano i colleghi di Prima Torino.

Un gesto di vicinanza

Una decisione, quella di tornare in Dad, che il direttore di questa scuola (238 allievi tra elementari e medie) contesta, da qui il gesto simbolico dell’occupazione di “vicinanza” ai suoi alunni, alle loro famiglie e ai docenti anche perché, lo dichiara lo stesso direttore: “distanza e didattica sono due parole che non possono stare vicine”.

Insegnanti in classe anche con Dad

Dopo il gesto, particolarmente apprezzato da genitori e cittadini, il direttore è passato ai fatti chiedendo agli insegnati di tornare in classe per la Dad collegandosi dalla cattedra con il computer, mentre gli studenti seguono da casa. In questo modo i ragazzi possono connettersi con un mondo a loro famigliare: l’aula. Inoltre, gli insegnanti possono usare la lavagna e i materiali che a casa non avrebbero.

Non stupisce quindi che alla richiesta del direttore si siano presentati tutti a scuola ben consapevoli che la classe sia il luogo d’insegnamento per eccellenza, anche in tempi di pandemia.