Cronaca
Ladro in azione

Distrae edicolante e ruba gratta e vinci per 1350 euro

Arrestato dagli agenti della Polizia di Stato

Distrae edicolante e ruba gratta e vinci per 1350 euro
Cronaca Torino, 13 Novembre 2022 ore 08:47

Distrae edicolante e ruba gratta e vinci per 1350 euro

Il fatto

Attorno alle 11, l’indagato faceva accesso ad una edicola di corso Belgio chiedendo al negoziante di poter vedere dei regali per un bambino; l’esercente assecondava la richiesta, prendendo dagli espositori alcuni articoli e facendoli vedere al cliente; questi, dimostrando interesse, chiedeva ulteriori articoli da inserire nella confezione regalo, pertanto l’edicolante si spostava per poterli prendere e lasciava per qualche istante l’uomo da sola di fronte al bancone. Successivamente, il cliente dichiarava di dover prelevare il denaro contante necessario all’acquisto e pertanto usciva dal negozio, non facendovi, però, più rientro. Solo allora l’esercente si rendeva conto dell’ammanco di  diversi gratta e vinci da 10 e 20 euro e di alcuni biglietti della lotteria, custoditi in una scatola che si trovava dietro il bancone, in un luogo fuori dalla disponibilità della clientela.

L'intervento della polizia

I poliziotti del  Comm.to Barriera Milano intervenuti tempestivamente dopo l’uscita del soggetto dal negozio, lo intercettavano mentre si allontanava velocemente, a bordo di autovettura rubata, in direzione di corso Tortona e lo seguivano fino in piazza Respighi. Qui, il 51enne veniva fermato mentre stava per entrare all’interno di una seconda tabaccheria con l’intenzione di riscuotere una vincita; nelle sue tasche, infatti, gli agenti rinvenivano 8 gratta e vinci appena abrasi, del valore ciascuno di 20€, e risultati vincenti per la cifra complessiva di 250 €;presumibilmente, l’uomo aveva. Gli agenti recuperavano i biglietti ancora intonsi, per un valore di 1200 € circa, riconsegnandoli al legittimo proprietario e traevano in arresto il 51enne per furto aggravato.

Il procedimento penale si trova attualmente nella fase delle indagini preliminari; pertanto, vige la presunzione di non colpevolezza dell’indagato, sino alla sentenza definitiva.

Seguici sui nostri canali