Cronaca
Associazioni

Fidas Rivara rinviata la festa sociale

Continuano le donazioni di sangue per raccoglierne il più possibile in questa situazione di emergenza

Fidas Rivara rinviata la festa sociale
Cronaca Alto Canavese, 19 Aprile 2020 ore 10:21

Fidas Rivara rinviata la festa sociale in calendario il prossimo 25 Aprile.

Fidas Rivara

Anche il gruppo Fidas Rivara   deve fare i conti con la necessità di rinviare la festa sociale che ogni anno è momento di condivisione, ma anche di bilancio per l’associazione altocanavesana. Questo, però, di fatto non frena i donatori rivaresi, che continuano in quella che è la loro opera principale, ovvero raccogliere più sangue possibile da mettere a disposizione di chi ne ha bisogno. E’ pienamente confermato l’appuntamento di sabato 25 aprile, con una nuova importante donazione.

Le donazioni

Vista la situazione particolare che stiamo vivendo, con la presenza costante di questo virus che ha di fatto bloccato il nostro Paese, il direttivo del gruppo rivarese ha accolto a pieno l’idea di gestire tale giornata... attraverso le prenotazioni. Al fine di evitare assembramenti, è possibile infatti mettersi in accordo con la Fidas locale, decidendo l’orario in cui presentarsi nella sede di via Grassa (ex Municipio). Due le opzioni a disposizione: si può contattare telefonicamente la Fidas, chiamando il 339-6339884 (chiedere di Antonio), oppure scrivere una mail, indirizzandola a rivara@fidasadsp.it.

Rinviata la festa

Tornando invece alla festa sociale, nel 2020 la realtà altocanavesana avrebbe festeggiato il suo 50esimo anniversario. Con la volontà di stare insieme in allegria, l’avvenimento è stato posticipato al 2021. Sarà quella l’occasione anche per premiate i donatori più meritevoli, ovvero Andrea Cariani, Stefano Boetto, Vanda Irma Bianco, Donatella Furfaro, Antonio Roberto Grosso, Gian Matteo Aloi, Lorena Actis Giorgio, Fausto Cordì, Sara Obert, Fabrizio Coha, Bruno Riorda, Giovanni Tarro Boiro, Luana Rostagno, Ilario Truffa, Mattia Costantino, Barbara Re, Lucia Fassio, Adriana Ranghiasci, Giandomenico Pomatto, Vittorio Luigi Lorenzatti, Mirko Vernetti Rosina, Emanuela Rossatto, Fabrizio Pescetto e Roberto Costantino, i quali riceveranno attestati e medaglie tra 12 mesi.