Cambio della guardia

Gian Marco Altieri è il nuovo comandante della caserma dei carabinieri di Cuorgnè

La prima uscita ufficiale, in occasione della patronale del 2 agosto.

Gian Marco Altieri è il nuovo comandante della caserma dei carabinieri di Cuorgnè
Cuorgnè, 09 Agosto 2020 ore 14:17

Gian Marco Altieri è il nuovo comandante della caserma dei carabinieri di Cuorgnè. La prima uscita ufficiale, in occasione della patronale del 2 agosto.

Gian Marco Altieri

Cambio della guardia alla caserma dei Militari dell’Arma di Cuorgnè. Dalla scorsa settimana il maresciallo capo, Gian Marco Altieri, 39 anni, è il nuovo comandante della stazione Carabinieri del paese delle due torri. Altieri succede al collega Giovanni Bertoneri che lo scorso primo luglio, dopo tre anni, ha lasciato il Canavese per prendere il comando della stazione Barriera di Milano a Torino.

La prima uscita ufficiale

Domenica scorsa, 2 agosto, in occasione della festa patronale di Salassa, si è registrata la prima uscita pubblica ufficiale per il nuovo comandante, che ha partecipato, insieme alla sindaca, Roberta Bianchetta, all’evento indossando rigorosamente la mascherina nel pieno rispetto delle normative anti Coronavirus. Dopo la scuola allievi, il maresciallo capo Gian Marco Altieri ha prestato servizio per ben undici anni alla stazione di Rivarolo Canavese. Nel 2015 il passaggio all’ombra della Mole Antonelliana, con il nuovo prestigioso incarico nel Nucleo investigativo del comando provinciale di Torino.

Il territorio

Il ritorno «alle nostre latitudini» si è concretizzato lunedì scorso, quando Altieri ha preso il comando della stazione di Cuorgnè, che ha giurisdizione su un territorio alto canavesano estremamente vasto comprendendo i Comuni di Valperga, Salassa, San Ponso, Pertusio, Pratiglione, Prascorsano, San Colombano Belmonte, Canischio, Alpette, Chiesanuova, Borgiallo e Colleretto Castelnuovo, oltre ovviamente al paese della «Torre di Carlevato».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità