Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza: i monumenti si tingono di blu VIDEO

Si celebra oggi un anniversario importante: i 30 anni dall’approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza: i monumenti si tingono di blu VIDEO
Torino, 20 Novembre 2019 ore 11:17


(ACCENDI L’AUDIO PER SENTIRE LA VIDEOINTERVISTA DI SKY)

Anche il Comune di Torino aderisce all'iniziativa illuminando di blu i ponti sul fiume Po.

Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza

Il Comune di Torino aderisce all’iniziativa “Go Blue – un mondo dipinto di blu per celebrare la Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza”, illuminando di blu i ponti sul fiume Po durante tutta la notte fra il 20 ed il 21 novembre. Dal crepuscolo di oggi fino al mattino di domani, dunque potrete ammirare i ponti sul Po colorati di blu.

L’iniziativa

Oggi, in occasione della Giornata mondiale dell’infanzia, l’UNICEF invita ad illuminare di blu un monumento simbolico della città, per chiedere che per ogni bambino, bambina e adolescente ogni diritto sia garantito e realizzato.
Infatti si celebra oggi, 20 novembre, un anniversario importante: i 30 anni dall’approvazione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (CRC).

La convenzione

La CRC è il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo e in 30 anni è stata determinante nel migliorare la vita di bambini, bambine e adolescenti. Ha ispirato i Governi a adottare nuove leggi e stanziare nuovi fondi per aumentare l’accesso dei bambini ai servizi e godere dei propri diritti. Ha contribuito a cambiare la percezione sull’infanzia e l’adolescenza, garantendo a bambini e ragazzi un nuovo protagonismo.
La Convenzione è stata ratificata da 196 paesi. L’Italia l’ha recepita nel proprio ordinamento giuridico con Legge n.176 del 27 maggio 1991. Alla Convenzione si affiancano tre Protocolli opzionali concernenti rispettivamente la vendita di bambini, la prostituzione minorile e la pornografia riguardante i minorenni; il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati; le procedure di reclamo. I primi due sono stati approvati dall’Assemblea generale ONU nel 2000 e ratificati dall’Italia con legge 11 marzo 2002, n. 46. Il terzo Protocollo opzionale, adottato dall’Assemblea generale ONU nel 2011 e ratificato dall’Italia nel 2015, consentirà ai bambini e/o ai loro rappresentanti di sottoporre al Comitato ONU sui diritti dell’infanzia, a determinate condizioni, dei ricorsi in caso di violazione dei diritti sanciti dalla Convenzione.
Nonostante questo, la Convenzione non è ancora pienamente attuata, conosciuta e capita.
Per questo l’UNICEF chiede di ricordare in maniera simbolica l’importanza dell’attuazione dei diritti per tutti i bambini e gli adolescenti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter