Cronaca
cittadini esasperati

Gioventù molesta a Volpiano: «Urla e petardi: così non si dorme più»

«In questi anni sono state fatte più segnalazioni in comune, vigili urbani, Carabinieri ma la situazione non è mai cambiata».

Gioventù molesta a Volpiano: «Urla e petardi: così non si dorme più»
Cronaca Volpiano, 17 Settembre 2022 ore 05:44

Gioventù molesta a Volpiano, cittadini esasperati: «Urla e petardi: così non si dorme più».

Gioventù molesta a Volpiano

Arriva direttamente dai residenti nei pressi del parco pubblico di via di Corso Platone a Volpiano, la protesta per l’inciviltà di alcuni giovani. Non ne può più chi abita da quelle parti perché tutte le sere, dalle 21.30 in poi, nel parchetto si ritrovano diversi gruppi di ragazzi che con schiamazzi molesti, disturbano la quiete di tutti.

La denuncia

«In questi anni sono state fatte più segnalazioni in comune, vigili urbani, Carabinieri - ci scrive un residente che allega alla sua “denuncia” anche alcuni video - ma la situazione non è mai cambiata. Anzi. E questi disagi non vengono percepiti solo da noi residenti della zona, ma anche da altre zone per motivazioni diverse. Gruppi di ragazzi in moto da cross che si danno appuntamento ai parcheggi del supermercato e gareggiano pericolosamente, per se stessi e per gli altri, sulle le strade di Volpiano a velocità sostenuta. Tutto questo già dalle 4 del pomeriggio fino a tarda notte inoltrata, arrecando disturbo con continui rumori. Il 7 settembre 2022 (come è stato segnalato da altri cittadini) i giardinetti di corso Platone sono stati imbrattati con bombolette spray e sono state disegnate svastiche e falli su scivoli e panchine». Continua la lettera: «Dopo la festa patronale di San Pietro e Paolo, sono state abbandonate in piazza sedie di plastica, e le stesse sono state distrutte dai ragazzini e sparse in giro per i parcheggi della piazza mercatale. Durante le sere si sentono rumori di esplosioni di petardi e fuochi d’artificio che rendono ancora più problematico il nostro riposo dopo una giornata di lavoro».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter