L'appello

I testimoni di Geova del Canavese preoccupati per quanto accade in Russia

I cinquanta studiosi hanno esortato "il presidente Putin e la sua amministrazione a intraprendere azioni per porre fine alla persecuzione sistematica della loro comunità".

I testimoni di Geova del Canavese preoccupati per quanto accade in Russia
Ivrea, 03 Ottobre 2020 ore 16:24

I Testimoni di Geova del Canavese, molto preoccupati per quanto sta succedendo in Russia ai loro confratelli, riaccendono i riflettori mediatici sull’ondata di persecuzione che in quella nazione continua nei confronti di tutta la loro comunità.

Testimoni di Geova del Canavese

Sono giorni delicati per i Testimoni di Geova del Canavese, molto preoccupati per quanto sta succedendo in Russia ai loro confratelli. I religiosi attenzionano i media e la gente sull’ondata di persecuzione che in quella nazione continua nei confronti di tutta la loro comunità. Nei giorni scorsi Cinquanta studiosi di religioni, tra i più noti al mondo, hanno firmato una dichiarazione che chiede la fine immedicta della persecuzione dei Testimoni di Geova in Russia, dove i fedeli sono regolarmente arrestati e condannati a pene detentive, e le loro attività di culto sono proibite. La dichiarazione è stata presentata lo scorso 3 settembre in occasione di una conferenza online organizzata a Vilnius, in Lituania, sul fenomeno internazionale dell’opposizione ai Testimoni di Geova. I 13 relatori collegati in videoconferenza dai propri Paesi sono stati i primi a firmare il documento; a loro si sono poi aggiunti altri colleghi di tutto il mondo, tra cui esperti della stessa Russia e della Cina.

Situazione russa

“Sembra che i Testimoni di Geova siano puniti in Russia a causa della loro crescita, che è sgradita alla potente Chiesa ortodossa russa”, ha commentato il sociologo italiano Massimo Introvigne, co-redattore della dichiarazione. Alessandro Amicarelli, avvocato a Londra specializzato in diritti umani e presidente della Federazione europea per la libertà di credo (Fob) oltre che co-estensore della dichiarazione ha aggiunto che “la libertà di professare la propria fede e presentarla ad altri è parte integrante della libertà di religione ai sensi dell’articolo 18 della Dichiarazione universale dei diritti umani, che anche la Russia ha sottoscritto”. I cinquanta studiosi hanno esortato “il presidente Putin e la sua amministrazione a intraprendere azioni per porre fine alla persecuzione sistematica e insensata dei Testimoni di Geova, una comunità di cittadini pacifici e rispettosi della legge che chiedono solo di praticare la loro fede in pace”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità