Cronaca
ROCCA CANAVESE

Il sindaco Lajolo scrive ai bambini: «Tornerete a scuola, e sarete più forti di prima»

Insieme alla lettera ci sono anche fogli di carta e colori per creare disegni e scrivere messaggi: se volete, poi, inviateli al sindaco

Il sindaco Lajolo scrive ai bambini: «Tornerete a scuola, e sarete più forti di prima»
Cronaca Ciriè, 07 Aprile 2020 ore 19:21

Il sindaco Lajolo scrive ai bambini: «Tornerete a scuola, e sarete più forti di prima».

Il sindaco Lajolo scrive ai bambini:
«Tornerete a scuola, e sarete più forti di prima»

Tra dirette Facebook tutti i giorni per aggiornare i suoi compaesani della situazione in merito all'emergenza "Covid-19" e le raccomandazioni sul non uscire di casa c'è pure il coordinamento delle iniziative e servizi sul territorio insieme alla sua Giunta comunale e alle forze di Protezione Civile. Il sindaco Alessandro Lajolo è al lavoro per il suo paese e per i suoi abitanti h24. Comprese le visite ai cittadini (ovviamente abbassando solo il finestrino dell'auto della Protezione Civile sulla quale si sposta nelle vie e borgate rocchesi) per chiedere se occorre loro qualcosa o semplicemente come stanno. In questi giorni ha voluto fare un passo in più. Scrivendo una lettera indirizzata a tutti i bimbi e ragazzi rocchesi: quasi 200, dalle Materne alle Medie. Una bellissima lettera densa di emozioni, con un invito finale. Quello di utilizzare la carta e i colori allegati alle lettere (dono del Comune) per disegnare oppure inviare un messaggio di speranza, di saluto, e per sentirsi sempre di più parte integrante della comunità. Quella che sta reagendo con forza al "nemico invisibile". C'è anche un indirizzo mail dove inviare i messaggi e i disegni al sindaco. Forza bimbi e ragazzi, mettetevi al lavoro!

Quasi 200 le lettere inviate ai bambini e ragazzi del paese

Caro bimbo, a Rocca erano ormai quasi cento anni che non capitava di interrompere le lezioni durante l’anno scolastico per così tanto tempo. Fermare la formazione dei nostri bimbi è stata una decisione molto difficile da prendere. Sappi che tu fai parte di un mondo che, per noi adulti, è tra i più importanti e prezioso, perché tu sei il nostro futuro e rappresenti tutto il nostro presente. Non è stato facile chiederti di stare a casa. Anche se da un primo momento eri contento, oggi so che vorresti ritornare insieme a i tuoi compagni di scuola e amici a fare lezione e divertirvi insieme nell’intervallo. Sono stato anch’io seduto nei banchi di scuola o asilo esattamente come te, e ricordo molto bene la gioia che si prova a sentire il suono della campanella che indica l’inizio dell’intervallo. Oggi voi siete dei pionieri, non solo di tecnologia, ma anche perché parlando con molti bimbi, che sono ormai stufi di stare a casa, mi sento chiedere “Sindaco quando riprende la scuola?”  La scuola è l’autostrada della vita che vi condurrà con istruzione e sicurezza nel magnifico cammino della vita. Stai compiendo un percorso, che a volte, può sembrare in salita, faticoso o anche pesante. Sono sicuro però che, questo percorso di oggi, ti regalerà, in ogni momento, grandi emozioni per le nuove scoperte e le avventure che la magnifica storia della vita avrà in regalo per te.  So che sei già un pioniere perché stai facendo lezione da casa, cosa che per noi bimbi degli anni 70 era fantascienza. Hai scoperto la bellezza delle immagini, la magia delle parole scritte, stai scoprendo anche la tecnologia che ti permette di fare le stesse cose ma da distante. Sei un eroe dei giorni nostri. Conserva però sempre preziosa la sensazione di quando hai scoperto che dietro quei segni sulle pagine del tuo quaderno ci sei tu. Quando scrivi o quando disegni esprimi i tuoi desideri, i tuoi pensieri e le tue emozioni, esattamente come sto facendo adesso io con te. Dietro a queste parole ci sono io che sono stato un bimbo come te e sono un papà oltre anche al tuo sindaco. Crescendo userai sempre di più la tecnologia che sarà sempre più moderna ed avanzata ma, mi raccomando, conserva prezioso e caro l’odore della carta e dei pennarelli che oggi usi per disegnare o scrivere, conserva il ricordo dell’odore che si sente entrando a scuola e in classe, questo ti ricorderà sempre chi sei e da dove vieni. Usa la tecnologia come mezzo o come strumento per raggiungere i tuoi obiettivi, ma cerca di non farti mai usare da lei. La tecnologia ci aiuta molto, il resto però dipende da te, dalla tua energia, dalla tua voglia di imparare, perché stai imparando solo adesso che ogni conquista costa un pochino di sacrificio. Ma ti assicuro che quando si raggiungono gli obiettivi che ti sei prefissato si prova una grande soddisfazione e in quel momento saprai di poter fare ancora di più e sempre meglio. Tra noi rocchesi è buona abitudine cercarci anche solo per un saluto, e anche per questo che ogni tanto passo a scuola per venirti a trovare mentre faccio il sindaco, presto tornerai a scuola e con gran piacere tornerò a salutarti di persona. Concludo con un saluto e un grande abbraccio virtuale in questo difficile momento in cui non possiamo uscire di casa so che per te è molto difficile ma ti chiedo un pochino di collaborazione e vedrai che andrà tutto bene e presto torneremo ad abbracciare a giocare e divertirci con i nostri amici. Allegato a questa lettera vorrai trovare un piccolo regalo per te che l’amministrazione comunale ha pensato di fare per aiutarti ad esprimere i tuoi pensieri, le tue idee ed i tuoi desideri. Troverai una risma di carta, e qualcosa per scrivere o disegnare. Sarei veramente lieto di poter ricevere un tuo messaggio, scritto o disegnato. Ti lascio anche il mio indirizzo di posta elettronica, se vorrai sentirti un pochino più vicino a me scrivimi pure a sindaco@comune.roccacanavese.to.it

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter