La linea Canavesana non è più fra le peggiori della classifica di Legambiente

Mauro Fava: «E’ una magra consolazione. Abbiamo fatto qualche piccolo passo in avanti, ma c’è ancora tanto lavoro davanti a noi per migliorare il trasporto ferroviario».

La linea Canavesana non è più fra le peggiori della classifica di Legambiente
Rivarolo, 17 Dicembre 2019 ore 18:18

La Canavesana esce dalla Top ten delle linee peggiori stilata da Legambiente nel rapporto annuale Penolaria. Male la Torino-Chivasso-Ivrea-Aosta che entra nella triste classifica.

Linea Canavesana

Come ogni anno Legambiente ha pubblicato il rapporto «Pendolaria», stilando una classifica delle dieci peggiori linee ferroviarie regionali. E questa volta la Canavesana non rientra più nella top ten, come era successo precedentemente.

"C'è di peggio"

«Evidentemente c’è chi è riuscito a fare perfino peggio, visto che il 2019 è stato un anno veramente difficile per gli utenti canavesani. Essere usciti dalla classifica delle 10 peggiori linee italiane è una magra consolazione, anche se testimonia forse i piccoli passi in avanti che sono stati fatti recentemente – commenta il consigliere regionale della Lega, e presidente della Commissione Trasporti di Palazzo Lascaris, Mauro Fava – L’introduzione dell’orario invernale, che ha visto il reinserimento delle fermate a Feletto, e il ritorno in deroga della velocità massima di percorrenza a 70 km/h sono segnali positivi, che sono stati accolti con soddisfazione dai pendolari. Ma è ancora lunga la strada verso un vero miglioramento del servizio. Perché non possiamo essere soddisfatti finchè ci si impiega circa un’ora per fare la tratta Rivarolo-Porta Susa. Senza contare che i guasti ai passaggi a livello continuano a ripetersi e solo per un caso nei giorni scorsi non abbiamo assistito ad una tragedia: è una situazione che non può perdurare. Per questo insisterò con i sindaci dei vari Comuni che insistono sulla Sfm1 perché presentino al più presto le loro proposte di eliminazione dei passaggi a livello, in particolare quelli nei centri urbani. Ce ne sono troppi e sono un vero ostacolo alla modernizzazione della linea».

Male la Torino-Chivasso-Ivrea-Aosta

Oltretutto, per una linea canavesana che esce dal mirino di Legambiente, ce n’è un’altra che entra, ossia la Torino-Chivasso-Ivrea-Aosta, che si piazza al nono posto tra le linee ferroviarie peggiori d’Italia. Motivo, il sovraffollamento delle corse più utilizzate dai pendolari e i frequenti guasti ai passaggi a livello.

«I problemi per certi versi sono simili a quelli dell’Sfm1 – aggiunge ancora Fava – Per tutte e due le linee c’è un eccessivo numero di passaggi a livello, i quali rappresentano un problema per la sicurezza e provocano continui rallentamenti che incidono poi sulla durata della tratta. E in entrambi i casi manca l’elettrificazione di una parte della linea, in questo caso la Ivrea-Aosta, per la quale almeno la progettazione è in stato avanzato, a differenza della Rivarolo-Pont. Ad ogni modo, le difficoltà di queste due linee testimoniano il grande lavoro che abbiamo davanti a noi in questi anni di legislatura per dare un effettivo cambio di passo al trasporto locale ferroviario».