Menu
Cerca
Serie di interventi in paese

Le campane sono tornate a suonare a Favria dopo quasi 2 anni

Oltre 100mila euro di opere invece realizzate nella zona della roggia, mentre intanto è stato approvato il Bilancio.

Le campane sono tornate a suonare a Favria dopo quasi 2 anni
Cronaca Alto Canavese, 02 Aprile 2021 ore 23:59

Quasi terminati i lavori alla torre della chiesa. Le campane sono tornate a suonare a Favria dopo quasi 2 anni.

Le campane sono tornate a suonare a Favria dopo quasi 2 anni

Dopo quasi due anni di «silenzio forzato», per evitare problemi ulteriori alla struttura della torre campanaria interessata dal distacco di una serie di calcinacci, la settimana scorsa le campane della chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Favria sono tornate a riecheggiare in città. Un suono che ha toccato nel profondo dei cuori tantissimi favriesi, legati a quello che è uno dei simboli per la comunità altocanavesana. «Dopo quanto accaduto nel 2019 - spiega il primo cittadino Vittorio Bellone - al fine di evitare che le vibrazioni dovute ai rintocchi delle campane potessero creare ulteriori problemi, era stato deciso di “silenziarle” sino al completamento dei lavori». Interventi di messa in sicurezza che sono giunti agli sgoccioli: «Restano poche cose da fare, legate anche alla Sovrintendenza, affinché tutto sia terminato, poi finalmente come detto in precedenza potremo pure togliere le transenne che delimitano la strada a fianco della chiesa e della terre campanaria, che sempre per ragioni di incolumità dei passanti era stata interdetta al transito pubblico».

Lavori alle sponde in borgata

Nonostante il perdurare della pandemia, che molto spesso rallenta progetti ed iniziative dei singoli comuni, a Favria si cerca di andare avanti anche con altre opere. Tra queste quelle che riguardano la messa in sicurezza della roggia nel territorio delle borgate di San Giuseppe e della Santissima Annunziata. Grazie al pieno interessamento da parte dell’assessore competente, Silvio Carruozzo, di recente sono stati avviati i lavori al fine di risistemare in maniera adeguata le sponde del canale che costeggia la strada. L’investimento totale per questo tipo di opera è di poco superiore ai 107mila euro globali. «A ben vedere questo intervento era atteso già da diversi anni - interviene il sindaco Bellone - ma al di là di questo siamo riusciti ad avviare i lavori in quelle che sono almeno le parti fondamentali del tratto. Inutile nascondere che il periodo che attraversiamo non sia dei più favorevoli. Come Amministrazione ci siamo trovati poi alle prese con una serie di opere inaspettate alle quali dover sopperire, che di fatto hanno cambiato i piani inizialmente ipotizzati».

Dopo il Bilancio altri interventi

La settimana scorsa, inoltre, è stato pure portato in approvazione il Bilancio. «Il Bilancio è stato approvato ed ora proseguiamo con il lavoro - conclude il sindaco favriese - Abbiamo fatto le valutazioni necessarie e con quanto abbiamo a disposizione è stato deciso di operare ad esempio con una serie di efficientamenti mirati alla essenzialità, senza nessuna “coreografia” particolare. Dobbiamo agire consci delle possibilità del nostro Comune e questo è importante per tutti».