Cronaca
Lettera al sindaco

Il M5S Castellamonte chiede un Consiglio comunale urgente su Vespia

Recco: "A manifestare la volontà di non procedere ad alcuna Variante Urbanistica che preveda il cambio di destinazione d’uso dei suoli limitrofi".

Il M5S Castellamonte chiede un Consiglio comunale urgente su Vespia
Cronaca Castellamonte, 05 Febbraio 2020 ore 16:29

Un Consiglio comunale urgente è stato chiesto dal M5S di Castellamonte per prendere posizione contro l’ampliamento di Vespia.

Consiglio comunale urgente su Vespia

Caro sindaco ti scrivo. Non è una «cover» sanremese della celebre canzone di Lucio Dalla, ma l’ipotetico incipit di una comunicazione specifica, protocollata in Comune dal consigliere Paolo Recco. Attraverso il suo rappresentante a palazzo Antonelli, il Movimento 5 Stelle Castellamonte ha chiesto al primo cittadino e all’assessore all’ambiente, Marco Bernardi Ghisla, la convocazione urgente di un Consiglio comunale per prendere una posizione condivisa e forte contro l’ulteriore ampliamento della discarica di Vespia. Secondo i «grillini» del paese della ceramica non c’è tempo di aspettare «l’anno che verrà» di dalliana memoria.

La richiesta del M5S

Il Consiglio comunale, per Recco, si dovrebbe tenere a stretto giro di posta considerando che: «il 3 gennaio, la Società Agrigarden Ambiente s.r.l., ha trasmesso alla Città Metropolitana di Torino la richiesta di “rilascio dell’AIA, inerente il progetto di risagomatura finale e recupero ambientale della Discarica di Vespia, con la previsione di un abbancamento di ulteriori 125mila metri cubi di spazzatura». «Corrispondono a circa 94mila tonnellate, allungando di un anno e mezzo la vita attiva del sito – spiegano dal M5S castellamontese - Il 4 marzo è stata fissata la Conferenza dei Servizi, presso la Sede del Dipartimento Ambiente e Vigilanza Ambientale della Città Metropolitana di Torino, dove si terrà la disamina tecnica del progetto, alla quale sono stati invitati oltre all’amministrazione Comunale di Castellamonte, i Comuni di Vidracco, Baldissero, Issiglio, Castelnuovo Nigra, l’Unione Montana Valle Sacra, l’ASL TO 4 e vari enti territoriali».

Presa di posizione sulla discarica

Non si temporeggia più per il Movimento 5 Stelle Castellamonte: «Abbiamo sempre sostenuto la necessità di porre fine al conferimento di ulteriori rifiuti presso il sito della Discarica di Vespia. Nel Consiglio Comunale del 28 novembre 2019 l’Amministrazione Comunale per “voce” del Sindaco ha evidenziato la volontà di intraprendere una strada ben individuata che preveda la chiusura nel breve periodo dell’impianto. Per questo abbiamo chiesto con questa lettera al borgomastro, Pasquale Mazza, il coinvolgimento nella discussione, con relativa presa di posizione per la chiusura di qualsivoglia attività di conferimento a Vespia, oltre dei Sindaci dei Comuni limitrofi, anche dei referenti dei consigli di Frazione, dei presidenti delle associazioni presenti nel territorio comunale». Basta spazzatura in discarica. Recco è categorico: «Abbiamo invitato la maggioranza, in fase di Conferenza dei Servizi, a ribadire la volontà di non approvare tale progetto di ampliamento in seno alla Commissione Paesaggistica Locale, e a manifestare la volontà di non procedere ad alcuna Variante Urbanistica che preveda il cambio di destinazione d’uso dei suoli limitrofi ed interessati al richiesto ampliamento della discarica».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter