Menu
Cerca

Maltrattamenti in famiglia: uomo di 44 anni arrestato dalla Polizia

La vittima è stata dimessa dall’ospedale con una prognosi di 7 gg per contusioni multiple.

Maltrattamenti in famiglia: uomo di 44 anni arrestato dalla Polizia
Cronaca Torino, 27 Ottobre 2019 ore 14:20

Maltrattamenti in famiglia. Un uomo di 44 anni arrestato dalla Polizia del commissariato Barriera di Milano a Torino.

Maltrattamenti in famiglia

Torino, maltrattamenti in famiglia. 44enne nei guai. Mercoledì scorso, presso il Pronto Soccorso del Giovanni Bosco, si è presentata una donna, in compagnia della madre, per farsi medicare alcune ferite. Nella saletta era presente anche il suo compagno, un cittadino italiano di 44 anni, che si mostrava molto premuroso neisuoiconfronti, fino a quando la donna non si è alzata per entrare nel triage, senza di lui. A quel punto il suo comportamento è cambiato repentinamente, diventando aggressivo: l’uomo ha tentato in tutti i modi di accedere anch’egli all’interno della zona riservata. Personale del Comm.to Barriera Milano in servizio presso il posto fisso dell’Ospedale è intervenuto, riportandolo alla calma e verificando cosa fosse successo.

Un uomo arrestato

La donna raccontava che da questa estate, il suo convivente, che inizialmente si era dimostrato molto dolce negli atteggiamenti e profondamente innamorato, aveva iniziato a maltrattarla, siaverbalmenteche fisicamente. In particolare, l’uomo lamentava alla compagna di cadere in sporadici momenti di tristezza, dovuti alla scomparsa avvenuta anni fa del fidanzato, per poi incolparla senza fondato motivo di intrattenere una nuova relazione con un amico di lui. Nonostante le rassicurazioni della donna, la situazione negli ultimi mesi è degenerata; lui ha iniziato a sottoporle a controllo il telefonino per trovare le tracce del presunto tradimento fino a quando lei gli ha impedito di farlo, mettendo un pin. Da questo momento in poi, le aggressioni sono state più frequenti e più violente; in un caso, l’uomo ha chiuso la compagna fuori in balcone per varie ore per costringerla a fornirgli il pin del cellulare. Nella notte di mercoledì scorso, lei si è rifiutata di avere un rapporto sessuale e lui, indignato dalla distanzaormai nata fra i due, l’ha colpita con forza sul volto più volte e poi ancora su tutto il corpo, procurandole diverse ecchimosi su gambe e braccia. La donna non è riuscita a chiamare i soccorsi in quanto lui la aveva privata del telefonino.

Intervento della Polizia

Solo nella mattinata odierna, approfittando del fatto che entrambi fossero scesi sottocasa per acquistare il pane, la donna ha chiesto al compagno violento la possibilità di salutare lamadre, che si trovava dal medico curante, proprio nello stesso stabile della panetteria. L’uomo, con riluttanza,ha acconsentito. Nello studio medico, la donna finalmente ha potuto raccontare le violenza subite alla dr.ssa ed alla madre, che l’ha convinta a recarsi in un Pronto Soccorso per farsi refertare, accompagnandola in auto. Il compagno, autore dei maltrattamenti alla compagna, avendo intuito le sue intenzioni, l’ha seguita in ospedale ove, con modi molto affettati, ha certo di convincerla a non denunciarlo. Solo quando la donna si alzata per entrare nel triage ha buttato giù la maschera, inveendo contro di lei e dicendole che sarebbe andato nei guai per colpa sua. La vittima è stata dimessa dall’ospedale con una prognosi di 7 gg per contusioni multiple. L’uomo, che ha a suo carico numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, per stupefacenti e reiterati maltrattamenti in famiglia ai danni di altre 2 donne, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia.