Mathi, AIB: nel 2019 sono 3560 le ore spese in interventi

Operativi anche in iniziative di solidarietà finalizzate alla raccolta di fondi per associazioni e progetti a favore del prossimo

Mathi, AIB: nel 2019 sono 3560 le ore spese in interventi
Ciriè, 18 Gennaio 2020 ore 15:08

Mathi, AIB: nel 2019 sono 3560 le ore spese in interventi

Mathi, AIB: nel 2019 sono 3560 le ore spese in interventi

E’ stato un 2019 ricco di interventi che hanno richiesto il massimo impegno da parte dei volontari. Ben 206 le situazioni di emergenza che hanno richiesto l’attivazione dei mezzi e degli uomini dell’Aib (Antincendio Boschivo). Impegnati in 3560 ore di attività per un totale di 3852 chilometri percorsi. «E’ stato un anno ricco di interventi ma anche di attività finalizzate alla solidarietà – commenta Mauro Parigi, caposquadra dell’Aib Mathi – Il 2019 è iniziato con l’intervento sugli incendi a Corio, Givoletto, Cafasse e sull’area dell’Accampamento. Nel mese di aprile abbiamo partecipato alla Festa degli Alberi, poi la campagna di raccolta fondi da destinare all’Ail (Lotta alla Leucemia) con la vendita delle uova pasquali. Siamo stati presenti, sempre nel mese di aprile, alla giornata del volontariato che si è svolta a Lanzo. Ad agosto, come da qualche anno a questa parte, siamo partiti alla volta della Puglia per supportare i colleghi nella campagna di spegnimento incendi. Ad ottobre abbiamo presenziato alla manifestazione “Quo Vauda?”, a settembre, abbiamo partecipato a Porte Aperte Aib alla Mandria. Ottobre è stata di nuovo emergenza con l’alluvione nell’Alessandrino – prosegue Parigi – Per quanto concerne le iniziative, abbiamo collaborato con il Comune al progetto Puliamo il Mondo. L’anno si è concluso a dicembre con numerose attività. A partire dai festeggiamenti per il 25° anniversario di fondazione dell’Aib Mathi con la premiazione dei volontari e la presentazione delle nostre attività. In occasione della festa di Natale in piazza abbiamo allestito un banchetto per la raccolta di giocattoli da destinare ai bambini bisognosi. Siamo stati poi a Vauda per un abbattimento di albero e il ripristino della linea elettrica».

Gli obiettivi per il 2020 appena iniziato?

«Siamo in tutto 20 volontari – conclude Mauro Parigi – E i mezzi di soccorso attivi sono tre. Obiettivo primario è quello di realizzare la pista di elisoccorso accanto alla nostra sede di via Banna. E’ già tracciata, insieme al sindaco Maurizio Fariello si sono già fatti tutti i dovuti sopralluoghi che hanno coinvolto anche i Vigili del Fuoco. La speranza è che questo progetto si possa concretizzare al più presto realizzando così un polo di protezione civile importante non solo per Mathi ma per tutta la zona. Tra gli altri interventi da realizzare c’è anche il rifacimento della copertura della nostra sede. Attualmente è in amianto ed occorre sostituirla. Insieme al Comune si è valutata la possibilità di partecipare ad un bando regionale che consentirebbe di ottenere dei fondi a copertura dell’intervento». Un sostegno all’Aib può essere effettuato donando il 5 per mille. Il versamento può essere effettuato con il codice fiscale 92033560019.

 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve