Cronaca
Caselle - Mappano - Borgaro

Matrimoni e messe ai tempi del Covid 19

Celebrazioni con i fedeli in sicurezza.

Matrimoni e messe ai tempi del Covid 19
Cronaca Torino, 29 Maggio 2020 ore 15:34

Matrimoni e messe ai tempi del Covid 19. Domenica 24 sono riprese le celebrazioni comunitarie anche nelle chiese di Caselle, Borgaro e Mappano.

Matrimoni e messe

La giornata di domenica scorsa è partita nel migliore dei modi a Mappano. Infatti la Fase 2 è stata “inaugurata” da uno sposalizio. I futuri coniugi sono giunti in carrozza (nella foto). Nelle prossime settimane si recheranno in Puglia per incontrare i parenti. La struttura dedicata alla “Nostra Signora del Sacro Cuore di Gesù” di via Carlo Alberto Dalla Chiesa, invece, può tenere fino a 91 posti a sedere, applicando le regole del distanziamento sociale. Nel cortile esterno ci stanno altre sessanta persone. I funerali ritorneranno a essere svolti in chiesa. Mentre i battesimi sono stati rimandati a giugno.

Messa in atto del protocollo Cei

Il protocollo della Conferenza Episcopale Italiana sulle messe è stato applicato a partire da domenica 24 maggio.  A Caselle si è svolta la sanificazione della chiesa di Santa Maria. I banchi sono stati sostituiti dalle sedie per rispettare le distanze interpersonali di un metro e mezzo. In tal modo sono un'ottantina i posti a sedere. In fondo alla parrocchiale è stato posizionato il “dispenser” per igienizzare le mani ed è stata misurata la temperatura corporea. Considerata la capienza limitata, è inevitabile continuare con la funzione on-line, ancora per qualche tempo, sul profilo facebook “ Caselle a Casa Tua”. Le messe feriali inizieranno dal primo giugno.

A Borgaro capienza da 150 posti

La parrocchiale “Santi Cosma e Damiano” di via Bertino può accogliere centocinquanta persone. Un numero contenuto, visto che prima della pandemia ci stavano anche quattrocento presenze. Spiega il parroco don Stefano Turi: “Per motivi di sicurezza si è concessa la seduta uno per banco e si sono posizionate delle sedie per mantenere le giuste distanze. Si è attivato un servizio d'accoglienza”.