Cronaca

Non ha frodato lo Stato: assolto

L'imprenditore ciriacese era accusato di non aver versato tasse per 660 mila euro.

Non ha frodato lo Stato: assolto
Cronaca Ciriè, 26 Febbraio 2018 ore 13:17

Non ha frodato lo Stato. Assolto l'imprenditore  Fassero di Ciriè.

Non ha frodato lo Stato

Assolto perché il fatto non sussiste. Si è concluso così il procedimento per bancarotta fraudolenta a carico di Giovanni Battista Fassero Gamba. Difeso dall’avvocato del Foro di Torino Sergio Amatucci. Mercoledì 14 febbraio l’imprenditore ha dovuto rispondere all’accusa dell’Agenzia delle Entrate. Parte offesa nel procedimento, di non aver versato le tasse per una cifra di circa 660.000 euro.

Omesso versamento

Infatti  a spiegare dell’omesso versamento al pubblico ministero e al giudice Ludovico Morello del Tribunale di Ivrea è stato un funzionario dell’Agenzia delle Entrate di Cirié. Secondo il suo racconto, l’azienda dell’imputato Gfg Group srl., che aveva poi dichiarato fallimento, era stata l’oggetto di una verifica. Da un modello 770 dell’anno 2011 era risultato l’omesso versamento delle tasse, facendo un confronto tra quanto dichiarato e quanto versato. Anche se in parte le tasse erano state versate, mancavano ancora più di 500.000 euro e, per recuperare la somma omessa, l’ente è obbligato, quando le omissioni superano i 150.000 euro, a darne notizia alla Procura della Repubblica.

Non era stato pagato dai clienti

Mentre il pubblico ministero aveva chiesto sei mesi di reclusione, la difesa ha fatto valere le ragioni dell’imputato, ricordando anche una recente sentenza della Cassazione. Perché il titolare dell’azienda non aveva pagato quella somma? Secondo la difesa Fassero Gamba, che in più occasioni non era stato pagato dai clienti, aveva dovuto scegliere se pagare le imposte o pagare i dipendenti della sua azienda. Con la sentenza del 23 novembre 2017 è stata proprio la Cassazione a ricordare che il personale ha la precedenza. Non essendoci stata intenzione di frodare lo Stato, il Tribunale ha accolto la richiesta di assoluzione.

Seguici sui nostri canali