Menu
Cerca
Trovati 50 grammi di stupefacente

Pensionato rivarolese nei guai: spacciava droga

Il 67enne era noto alle forze dell'ordine. In casa sono stati trovate anche 5 dosi ed un bilancino di precisione.

Pensionato rivarolese nei guai: spacciava droga
Cronaca Rivarolo, 28 Novembre 2020 ore 09:35

L’uomo, in 67enne pregiudicato, è stato arrestato. Pensionato rivarolese nei guai: spacciava droga.

Pensionato rivarolese nei guai: spacciava droga

E’ stato colto in flagranza di reato un 67enne residente a Rivarolo Canavese, fermato e poi arrestato dagli uomini dell’Arma per detenzione ai fini di spaccio. Il pensionato, già noto alle forze dell’ordine, è stato “beccato” dai Carabinieri della Compagnia di Ivrea nell’ambito dell’ttività di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, portata avanti  nel territorio del Canavese.

A fermarlo i Carabinieri della Stazione rivarolese

Sono stati i Carabinieri della Stazione di Rivarolo Canavese a porre agli aresti G.C. Il tutto ha fatto seguito ad un coordinato servizio di osservazione e controllo nell’ambito di quel territorio, grazie anche alla collaborazione con il Nucleo Carabinieri Cinofili di Volpiano.

Rinvenuti in casa 50 grammi di cocaina

I militari hanno proceduto ad una perquisizione domiciliare all’interno dell’abitazione di un soggetto, già noto alle forze dell’ordine (reiterata attività di spaccio), rinvenendo e sequestrando circa 50 grammi di sostanza stupefacente tipo “cocaina”. La droga era stata occultata all’interno del bagno, all’interno di  un sacchetto di cellophane.

Trovate anche dose già pronte

I Carabinieri hanno inoltre trovato 5 dosi già confezionate e pronte per lo smercio nella piazza canavesana. All’interno della casa del pensionato c’erano pure un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. Su disposizione del G.I.P. presso il Tribunale di Ivrea, l’uomo, chè come detto è stato tratto in arresto e condotto presso il carcere di Ivrea, a seguito dell’avvenuta convalida è stato sottoposto agli arresti domiciliari nella propria abitazione.