Menu
Cerca

Profughi, a fine dicembre siglato il protocollo tra comuni, prefettura e consorzio socio assistenziale

Strambino. È stato firmato a fine dicembre il Protocollo tra la Prefettura di Torino e i Comuni afferenti al Ciss -Ac (Consorzio Intercomunale Servizio Socio-Assistenziali Caluso) per la gestione dei 188 profughi presenti sul territorio.

Profughi, a fine dicembre siglato il protocollo tra comuni, prefettura e consorzio socio assistenziale
Cronaca 01 Gennaio 2017 ore 14:30

Strambino. È stato firmato a fine dicembre il Protocollo tra la Prefettura di Torino e i Comuni afferenti al Ciss -Ac (Consorzio Intercomunale Servizio Socio-Assistenziali Caluso) per la gestione dei 188 profughi presenti sul territorio.

Strambino. È stato firmato a fine dicembre il Protocollo tra la Prefettura di Torino e i Comuni afferenti al Ciss -Ac (Consorzio Intercomunale Servizio Socio-Assistenziali Caluso) per la gestione dei 188 profughi presenti sul territorio. Nella sala giunta di Palazzo Valperga, sede dell’Amministrazione, erano presenti il Prefetto di Torino Renato Saccone con il funzionario Donatella Giunti, il Presidente e il direttore generale del Cissac Savino Beiletti e Graziella Benvenuti, i sindaci firmatari del Protocollo.  «Siamo consapevoli che organizzare l’accoglienza non sia semplice – sostiene Savino Beiletti presidente del Cissac – ma abbiamo valutato che sia meglio governare direttamente il problema. Il Protocollo firmato è frutto del confronto avviato dai sindaci con la Prefettura di Torino allo scopo di ottenere una gestione diretta e coordinata dei profughi già assegnati ai nostri territori. Accoglienza con concretezza sono le parole chiave che ci hanno condotti a questo accordo. Aggiungo che il costo per l’accoglienza è interamente a carico del Ministero dell’Interno, grazie a un finanziamento europeo per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere esterne degli stati membri dell’UE e nello specifico il servizio sarà affidato tramite un bando pubblico a un unico soggetto gestore che lavorerà sul nostro territorio».