Menu
Cerca

Quattro persone nei guai per ricettazione

I militari dela stazione di Cuorgnè hanno rinvenuto materiale di dubbia provenienza. Uno dei soggetti denunciato anche per furto di energia elettrica

Quattro persone nei guai per ricettazione
Cronaca 15 Febbraio 2017 ore 14:55

I militari dela stazione di Cuorgnè hanno rinvenuto materiale di dubbia provenienza. Uno dei soggetti denunciato anche per furto di energia elettrica

I carabinieri della Stazione di Cuorgnè hanno deferito in stato di libertà alla Procura di Ivrea quattro persone, italiane, di età compresa tra i 29 e i 55 anni e residenti a Cuorgnè, ritenute responsabili di ricettazione. I militari, nel corso degli accertamenti relativi al rinvenimento di un assegno risultato rubato nel mese di dicembre scorso, hanno perquisito le abitazioni di quattro persone, tra cui una coppia di conviventi. Nel corso delle perquisizioni i militari hanno rivenuto vario materiale risultato oggetto di furto o comunque di dubbia provenienza: una stufa a pellet sulla quale sono in corso accertamenti per stabilirne la provenienza; 36 accendini a gas, 5 ricariche gas per accendini e 9 confezioni di colla asportate a dicembre ad un negozio di Cuorgnè; vario materiale di cancelleria e di cartoleria; un Ape Piaggio asportato a Valperga nel mese di dicembre; la carta di circolazione di un ciclomotore asportato a Cuorgnè a settembre; una carabina ad aria compressa con matricola abrasa sulla quale sono in corso accertamenti per stabilirne la provenienza. La carabina era detenuta abusivamente nell’abitazione di uno dei soggetti sottoposti a perquisizione domiciliare, denunciato pertanto anche per detenzione abusiva di armi. Nei suoi confronti è scattata altresì una denuncia a piede libero per furto di energia elettrica: i carabinieri hanno scoperto che attraverso un cavo elettrico l’impianto elettrico dell’abitazione era stato collegato al palo della illuminazione pubblica. Il materiale sequestrato è stato quasi interamente restituito ai legittimi proprietari. Sono tuttora in corso accertamenti per risalire alla provenienza di parte della refurtiva.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli