Rave party terminato, si scatenano le polemiche: 700 persone denunciate

Cinque ragazzi sono finiti in ospedale per abuso di alcool e sostanze stupefacenti. 

Rave party terminato, si scatenano le polemiche: 700 persone denunciate
Cronaca Ciriè, 03 Gennaio 2020 ore 15:46

Rave party terminato, si scatenano le polemiche a Ciriè dopo la festa non autorizzata all'ex cartiera Reno De Medici.

Rave party terminato

Dalle 4 di martedì 31 dicembre fino a poche ore fa l'ex cartiera Reno De Medici è stata oggetto di un improvvisato rave party. All'interno dei capannoni sono arrivati centinaia di giovani con moto, auto e camion e hanno allestito la struttura con tutto il necessario per dar vita alla festa.

Il bilancio

Il bilancio della festa non autorizzata è di 700 persone identificate e denunciate per invasione di edificio privato. Cinque ragazzi sono finiti in ospedale per abuso di alcool e sostanze stupefacenti.

Le polemiche

Finita la festa nella ex città di charme ora iniziano le polemiche: in molti infatti si chiedono se il rave non potesse essere bloccato fin dal principio evitando così disagi alla popolazione e rischi per i partecipanti.

Le denunce

Gli organizzatori, che sono entrati forzando cancelli e hanno fatto entrare i generatori e dato il via alla festa verranno denunciati dai carabinieri.

LEGGI ANCHE: Rave party a Ciriè, oltre 2000 giovani all'ex Cartiera
LEGGI ANCHE: Rave party di capodanno all'ex cartiera Reno De Medici a Ciriè