Ivrea

Restyling alla facciata della Serra con l’icona di Camillo Olivetti

Simbolo tra i più rappresentativi per la sua forma a «macchina per scrivere»

Restyling alla facciata della Serra con l’icona di Camillo Olivetti
Ivrea, 19 Settembre 2020 ore 09:19

Restyling alla facciata della Serra con l’icona di Camillo Olivetti

Restyling alla facciata

Realizzato il restyling alla facciata della Serra con l’icona di Camillo Olivetti grazie all’intervento dei  ragazzi dell’Arteria Palma. E quanto da loro concretizzato dovrebbe essere d’esempio per tutti. Hanno infatti sistemato una parte della facciata dell’ex centro congressi La Serra, simbolo tra i più rappresentativi (seppur non sia nella Core zone del sito Unesco) dell’architettura olivettiana per la sua forma a «macchina per scrivere».

L’icona di Camillo

L’angolo, tra i giardini Giusiana e corso Botta, dove peraltro c’è la sala Cupola (di proprietà del Comune) è stata ritinteggiata, ricoprendo gli scarabocchi. Ma soprattutto hanno dipinto l’icona di Camillo Olivetti, fondatore dell’industria informatica che rese il nome della città famoso in tutto il mondo. L’iniziativa è stata concretizzata anche grazie all’impegno di Marco Maffione, presidente dell’associazione Canapese, che proprio lì ha da poco aperto la sua attività – spin off Hemp shop Canapese social club – inaugurandola peraltro dopo il difficile periodo di lockdown dovuto all’emergenza Covid-19.

Ivrea più bella

Una sfida la sua, al pari di quella lanciata con il restyling di una parte della facciata della Serra (edificio in parte all’asta). Perché dimostra, al di là del solito «parlagire» degli amministratori locali e non solo, che si può davvero rendere di nuovo «Ivrea la bella». Come? Seguendo l’esempio dei ragazzi dell’Arteria Palma: senza proclami, mettendosi al lavoro e rimboccandosi le maniche, donando il proprio tempo e la propria professionalità, unita ad un indiscusso talento. Tradotto: buona volontà.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità