Cronaca
emergenza covid-19

Salgono i contagi e riaprono i reparti Covid, Nursind: "Il personale infermieristico non è sufficiente"

Gli infermieri devono garantire tracciamento, vaccinazioni e assistenza.

Salgono i contagi e riaprono i reparti Covid, Nursind: "Il personale infermieristico non è sufficiente"
Cronaca Alto Canavese, 01 Marzo 2021 ore 12:42

Salgono i contagi e di conseguenza riaprono anche i reparti Covid, il sindacato delle professioni infermieristiche Nursind lancia l'allarme "Il personale infermieristico non è sufficiente"

Salgono i contagi e riaprono i reparti Covid

Francesco Coppolella, Segreteria Regionale Nursind Piemonte, in un comunicato stampa lancia l'allarme per la carenza di personale infermieristico già impegnato su molti fronti: "Gli infermieri devono garantire tracciamento, vaccinazioni e assistenza".

È evidente che ci troviamo di fronte ad un  incremento dei contagi e di conseguenza  ad un nuova  situazione di  pressione ospedaliera proprio mentre si cercava di ritornare ad alcune attività  ordinarie. Le notizie che ci giungono dai vari ospedali ce lo ho confermano. Ci troviamo nuovamente di fronte alla necessità  di reperire nuove risorse poiché oltre a coprire i turni nei reparti che presto riapriranno, dobbiamo continuare nelle attività  di tracciamento, incrementare i punti vaccinali e di conseguenza il numero di somministrazione  giornaliere per accelerare il processo di una  attività che rappresenta l'unica risposta possibile.
Ancora di più oggi, rispetto a ieri é fondamentale che le aziende  attingano nuovo personale dalle graduatorie a disposizione per far respirare chi è stato già spremuto. Esprimiamo infatti la nostra preoccupazione rispetto all'impatto psicologico che questo potrebbe avere sui colleghi.
Gli infermieri si trovano attualmente impegnati su tutti i fronti garantendo tracciamento e  vaccinazioni al netto dei vari accordi  oltre a dover nuovamente occuparsi dell'assistenza nei pronto soccorso e nei reparti.
Gli infermieri non faranno mancare come sempre il loro contributo anche attraverso lo strumento delle prestazioni aggiuntive ma oggi non é possibile che si guardino i bilanci. Le aziende diano risposte e facciano presto. D'altronde anche dalla Regione è arrivato il monito ad assumere il personale necessario.