Cronaca

Scoperti dalla Finanza due dipendenti pubblici infedeli

La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto una truffa da oltre 1, 5 milioni di euro, commessa da due dipendenti pubblici che svolgevano da tempo un doppio lavoro, senza la prevista autorizzazione. Nell’ambito del contrasto ai fenomeni illeciti che riguardano l’incompatibilità e cumulo di incarichi nel pubblico impiego, la Guardia di Finanza svolge, in via esclusiva, in collaborazione con l’Ispettorato per la Funzione Pubblica, controlli sui pubblici dipendenti, che svolgono una seconda attività.

Scoperti  dalla Finanza due dipendenti pubblici infedeli
Cronaca Ivrea, 03 Luglio 2017 ore 10:12

La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto una truffa da oltre 1, 5 milioni di euro, commessa da due dipendenti pubblici che svolgevano da tempo un doppio lavoro, senza la prevista autorizzazione. Nell’ambito del contrasto ai fenomeni illeciti che riguardano l’incompatibilità e cumulo di incarichi nel pubblico impiego, la Guardia di Finanza svolge, in via esclusiva, in collaborazione con l’Ispettorato per la Funzione Pubblica, controlli sui pubblici dipendenti, che svolgono una seconda attività.

La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto una truffa da oltre 1, 5 milioni di euro, commessa da due dipendenti pubblici che svolgevano da tempo un doppio lavoro, senza la prevista autorizzazione. Nell’ambito del contrasto ai fenomeni illeciti che riguardano l’incompatibilità e cumulo di incarichi nel pubblico impiego, la Guardia di Finanza svolge, in via esclusiva, in collaborazione con l’Ispettorato per la Funzione Pubblica, controlli sui pubblici dipendenti, che svolgono una seconda attività. Nel corso delle indagini svolte dal Gruppo Torino in tale settore, ha assunto rilevanza il caso di due impiegati pubblici, sessantenni, che parallelamente al loro lavoro svolgevano a tutti gli effetti una seconda attività gestendo dei condomini in modo professionale, con tanto di partita IVA. In particolare un dipendente pubblico ha amministrato 33 condomini guadagnando in 10 anni 450.000 euro, mentre un insegnante con la  gestione di 144 condomini ha percepito oltre 1 milione di euro.Ora per i due dipendenti infedeli inizierà un procedimento disciplinare e l'’iter per il recupero di tutti i compensi relativi agli incarichi extra-istituzionali ricoperti negli ultimi 10 anni, mentre per i committenti, che per legge avevano l’obbligo di appurare che il professionista non fosse un pubblico dipendente, è prevista una sanzione amministrativa commisurata agli emolumenti corrisposti all’impiegato pubblico negli ultimi 5 anni che se pagata entro 60 giorni è ridotta a un terzo. A fronte delle situazioni a oggi accertate, l’attività ispettiva ha già permesso di recuperare una somma superiore ai 350.000 euro. La tutela delle risorse finanziarie dello Stato e della Comunità Europea è un compito prioritario della Guardia di Finanza che, in qualità di Polizia Economico Finanziaria volge controlli non solo sulle entrate ma anche sulla spesa pubblica e sul corretto funzionamento del mercato e dei capitali.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter