Menu
Cerca

Sos acqua in Canavese

Sos acqua in Canavese
Cronaca Ciriè, 29 Ottobre 2017 ore 17:59

Sos acqua: vietata l’irrigazione di orti e giardini per la siccità che persiste in tutto il territorio. In alcuni comuniprelievi consentiti solo per usi domestici e sanitari.

Sos acqua: vietato sprecare

Acqua bene prezioso. Il sindaco Tina Assalto, primo cittadino di Lanzo Torinese, consente i prelievi alla rete idrica solo per usi domestici o sanitari. Sanzioni severe ai trasgressori. L’Amministrazione comunale lanzese, dopo i comuni di Corio e Rocca, ha emanato l’ordinanza che proibisce l’irrigazione a orti e giardini. Stop al lavaggio di cortili (o simili). Disco rosso al lavaggio veicoli, cicli e motocicli. I prelievi sono consentiti solo per uso domestico o sanitario.

Controlli e sanzioni

Acqua e multe. La polizia municiaple  è  incaricata di fare rispettare l’ordinanza con i trasgressori che saranno puniti con sanzioni severe. I cittadini sono invitati al risparmio dell’acqua. Al momento non vi sono ancora carenze  ma occorre tutelare  la risorsa idrica garantendo un livelli minimo dei corsi d’acqua per la salvaguardia dell’ambiente.

Acqua e… fuoco

Mentre persiste la siccità con l’invito a risparmiare “l’oro blu” Michele Mellano direttore di Coldiretti Torino, afferma: “Continua la mobilitazione degli agricoltori dell’area di Torino, che stanno mettendo a disposizione trattori e autobotti in Valle di Susa, nel Pinerolese, nel Canavese, in Valchiusella e Valle Orco”. Quindi gli imprenditori agricoli che hanno disponibilità di trattrici e botti, devono contattare Coldiretti o i Comuni interessati dagli incendi, dove riceveranno indicazioni sulle zone dove è possibile intervenire. Prosegue Melalno: “Sinora, in tutta la provincia torinese, gli agricoltori che hanno segnalato la loro disponibilità sono un centinaio. Stanno collaborando a fianco dei volontari, dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine impegnate a ridurre i fronti degli incendi” . La preoccupazione degli imprenditori agricoli resta forte: oltre a bruciare i boschi, alcuni incendi sono arrivati a lambire pericolosamente abitazioni e le strutture di diverse aziende agricole.