Cronaca
fermato dai carabinieri

Spacciava nella scuola durante l’intervallo: denunciato un 21enne

Lungo il torrente Tesso rinvenute undici dosi di marijuana gettate a terra.

Spacciava nella scuola durante l’intervallo: denunciato un 21enne
Cronaca Lanzo e valli, 12 Marzo 2022 ore 02:57

I carabinieri bloccano il “pusher”, dopo un movimentato inseguimento in pieno centro a Lanzo.

Spacciava nella scuola durante l’intervallo

L’episodio è accaduto mercoledì 2 marzo, dopo settimane di appostamenti nei dintorni dell'istituto superiore “Federico Albert”, da parte dei Carabinieri della Stazione di Lanzo, guidati dal maresciallo Paolo Spataro. Grazie ad alcune segnalazioni partite dalla scuola, i militari hanno tenuto la situazione sotto controllo durante l'intera mattinata, naturalmente in borghese. A un certo punto hanno sorpreso un ventunenne di Monasterolo avvicinarsi all'edificio scolastico sul lato di via Tesso. Qui il ragazzo è stato sorpreso a spacciare stupefacenti agli studenti. A un certo punto i Carabinieri si sono identificati.

Il giovane si è scagliato contro i Carabinieri

Il ventunenne, allora, con uno spintone, scagliato contro i militari , ha guadagnato lo spazio per scappare. Ma i carabinieri l'hanno inseguito per circa un chilometro, sino al cimitero. Dopo averlo acciuffato il “pusher” è stato accompagnato in caserma insieme ad altri due ragazzi: un diciannovenne di Coassolo e un minorenne di Caselle, che sono stati sorpresi in compagnia del ventunenne. Quest'ultimi, dopo l'identificazione e la perquisizione, sono stati mandati a casa in quanto non risulta esserci nulla a loro carico. Il cafassese è stato, invece, denunciato per due reati: resistenza a pubblico ufficiale e, anche, detenzione e spaccio di stupefacenti. Successivamente le forze dell'ordine hanno trovato, lungo il torrente Tesso, undici dosi di marijuana gettate a terra. Mentre nell'abitazione del giovane sono stati trovati altri 35 grammi di droga, con il bilancino e tutte l'occorrente per confezionarla. Il ventunenne, ex studente dell'“Albert”, è recidivo. A maggio 2021 era stato fermato un altra volta in un paese all'interno della Compagnia di Venaria. Adesso il fascicolo passa alla Procura di Ivrea.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter