Cronaca
Emergenza Covid 19

Stop alle produzioni lo chiedono i sindacati preoccupati per la salute dei lavoratori

Mentre Regione Piemonte e Confindustria firmano il protocollo Coronavirus con nuove disposizioni

Stop alle produzioni lo chiedono i sindacati preoccupati per la salute dei lavoratori
Cronaca Torino, 15 Marzo 2020 ore 00:42

Stop alle produzioni lo chiedono i sindacati preoccupati per la salute dei lavoratori.

Stop alle produzioni

Preoccupati per la salute dei lavoratori i sindacati chiedono lo Stop alle produzioni. Il  segretario generale FIM-CISL Torino e Canavese, Davide Provenzano ha detto: “In queste ore rileviamo la situazione legata al Covid-19 in continuo peggioramento nel nostro territorio. Troppe le aziende metalmeccaniche senza una linea di sicurezza precisa per i propri dipendenti. I lavoratori vanno a lavorare con una grande  preoccupazione per loro ma anche per i loro familiari a casa".

La dichiarazione

"Come FIM-CISL abbiamo dato comunicazione a tutti gli Operatori Territoriali di segnalare al Prefetto di Torino, tutte quelle aziende che non rispettano il decreto in materia di sicurezza legato al COVID-19 - aggiunge - Inoltre i nostri delegati e tutte le strutture hanno indicazioni di mettere in campo azioni di sciopero laddove si ravvisi un atteggiamento ostile da parte datoriale. Se serve sospendere  per garantire ai lavoratori il rispetto delle norme da parte aziendale, al fine di farli rientrare successivamente in piena sicurezza”.

12 foto Sfoglia la gallery

 

Il nuovo protocollo tra Confindustria e Regione

Intanto ieri, sabato 14 marzo, è stato firmato il protocollo Coronavirus (nella gallery il documento) tra Confindustria e Regione Piemonte. “L'accordo raggiunto  rappresenta la sintesi tra un’azione di Governo rapida ed efficace e il grande senso di responsab​ilità di tutte le parti sociali. Si tratta di una misura che – come abbiamo sostenuto dalla prima ora – responsabilizza ulteriormente le aziende del Paese. Il Protocollo sottoscritto questa mattina pone al centro la sicurezza e la tutela dei lavoratori che saranno garantiti dalla stretta e puntuale osservanza di tutte le precauzioni previste. In quest​o modo il Paese potrà arginare gli effetti economici dell’emergenza che in queste settimane ha già colpito duramente intere filiere produttive. Oggi abbiamo dimostrato come Istituzioni, imprese e parti sociali possano collaborare per raggiungere obiettivi comuni”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter