Menu
Cerca

Tempio crematorio degli orrori, la figlia di un deceduto: “Mio papà nei rifiuti?”

E' questa la domanda che oggi si pone la donna.

Tempio crematorio degli orrori, la figlia di un deceduto: “Mio papà nei rifiuti?”
Cronaca 28 Ottobre 2018 ore 11:51

Tempio crematorio degli orrori, la figlia di un deceduto: “Mio papà nei rifiuti?”. E’ questa la domanda che oggi si pone la donna.

Tempio crematorio degli orrori

L’indagine è partita il 20 settembre. È stata coordinata dallo stesso Procuratore e condotta dalla sezione di Polizia giudiziaria aliquota carabinieri che opera nella stessa Procura, comandata dal luogotenente Tindaro Gullo.  Il materiale probatorio è enorme e ha portato il Gip a firmare l’ordinanza di sequestro e quella di arresto del titolare della società, Alessandro Ravetti, nonché di un dipendente, Claudio Feletti, 56 anni, di Ponderano. I due sono accusati dei reati di distruzione e soppressione di cadavere e violazione di sepolcro. Solo a Ravetti viene contestata anche l’istigazione alla corruzione per aver dato dei soldi a un dipendente pubblico per fargli smaltire ceneri e resti di corpi come rifiuti.

E’ caos

E i famigliari ora si domandano se tra quei resti buttati nei sacchi ci siano anche i loro casi. Una di queste è una famiglia che chiede la verità sulla salma del papà come spiega nella lettera pubblicata integralmente dai nostri colleghi de La Provincia di Biella.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli