Cronaca

Tragedie sulla neve: tre morti travolti da valanghe

Ad Alagna, in Valle d'Aosta e a Bolzano.

Tragedie sulla neve: tre morti travolti da valanghe
Cronaca Torino, 16 Dicembre 2019 ore 11:05

Tragedie sulla neve: tre morti travolti da valanghe nel weekend. Il più giovane aveva 32 anni.

Tragedie sulla neve

Un weekend nero per gli appassionati delle escursioni in montagna. Come riportano i colleghi di Novara Netweek, sono stati infatti ben tre i morti travolti da valanghe domenica 15.

Daniele Fizzotti 32 anni

Il giovane di Pray è stato travolto domenica 15 dicembre 2019 da una slavina durante un fuoripista in snowboard al Passo della Civera sopra Alagna, quota 3000 metri. Purtroppo prima che i soccorritori riuscissero a raggiungerlo sono trascorsi almeno 50 minuti: ha cessato di vivere durante il trasporto in ospedale.

Roberto Ferraris 49 anni

Un’altra valanga, un’altra vita spezzata, questa volta in Valle d’Aosta. A perdere la vita è stato un finanziare 49enne. Era libero dal servizio e, approfittando della giornata soleggiata, si era concesso una uscita domenicale di scialpinismo da solo, in una zona che conosceva bene e dov’era stato spesso: la punta Fontana Fredda, sopra Cheneil di Valtournenche. Durante la discesa, una valanga lo ha travolto. La vittima è Roberto Ferraris, brigadiere capo in servizio alla stazione del Soccorso alpino della Guardia di finanza di Breuil-Cervinia.

Una donna morta sull’Alpe Siusi

La vittima, 62 anni, è rimasta uccisa da una slavina sull’Alpe di Siusi (Bolzano). La tragedia si è verificata nei pressi della stazione a monte dell’impianto Goldknopf-Bahn. La donna stava effettuando un’escursione a piedi con le ciaspole assieme ad un’amica che a sua volta è stata travolta dalla valanga. Riuscita ad emergere, l’amica ha iniziato a scavare e a dare l’allarme. Purtroppo per la 62enne non c’è stato nulla da fare.