Profondo cordoglio

Ultimo commosso saluto a Paolo Cassina, geologo di fama nazionale

Si è spento all’età di 85 anni lo scorso 14 marzo, lasciando un grandissimo vuoto nel cuore delle persone a lui care, a partire dalla moglie Anita e dai figli Elisabetta e Giorgio.

Ultimo commosso saluto a Paolo Cassina, geologo di fama nazionale
Cronaca Rivarolo, 21 Marzo 2021 ore 09:03

Sono giorni di lutto per il Canavese e per Rivarolo. Il paese ha tributato nei giorni scorsi il suo ultimo commosso saluto a Paolo Cassina, geologo di fama nazionale.

Ultimo saluto a Paolo Cassina, geologo

In una settimana funestata da addii di personaggi molto noti va ricordata pure la scomparsa del dottor Paolo Cassina, professionista, politico, marito, padre e nonno apprezzato e molto conosciuto non solo a Rivarolo Canavese, dove risiedeva. Geologo e geotecnico di fama nazionale ed internazionale, ha ricoperto diversi ruoli di primo piano, essendo stato pure tesoriere dell’Ordine dei geologi, oltre che componente della commissione nazionale dei geologi, che ha sede a Roma. Si è spento all’età di 85 anni lo scorso 14 marzo, lasciando un grandissimo vuoto nel cuore delle persone a lui care, a partire dalla moglie Anita e dai figli Elisabetta e Giorgio. Le esequie si sono svolte ieri pomeriggio, martedì 16 marzo, mentre la salma è stata tumulata nel cimitero cittadino.

Il ricordo

«E’ stato un libero professionista che ha amato profondamente il suo lavoro - lo ricorda la figlia, che vive in Norvegia e che per colpa del lockdown imposto nel paese scandinavo, come in Piemonte, non ha potuto partecipare ai funerali - Ha svolto il suo compito non solo in Italia, ma è stato spesso in Nord Africa, in particolare nel periodo che va tra gli anni ‘60 ed i ‘70. Ha vissuto la generazione del boom economico del nostro Paese. Prima di laurearsi ha anche preso parte alla realizzazione dell’Autostrada del Sole. Un uomo dinamico, che ha costantemente lottato per raggiungere gli obiettivi che si era posto». Un grande lavorato, ma anche un uomo che amava profondamente la sua famiglia: «E’ stato un leone buono. Una persona che ha combattuto tutta la vita, che ha vissuto una gioventù non facile, ma che non si è mai arreso. Ha amato profondamente tutti i suoi cari, a partire dall’adorata mamma e con noi si è dimostrato per quello che era, un grande romantico». Da non dimenticare il suo impegno politico: «Ha creduto molto nella possibilità di cambiare l’Italia e renderla migliore attraverso la politica. Persona buona ed onesta, pronto a dare una mano agli altri, ha fatto parte del Partito Repubblicano impegnandosi a fondo in particolare negli anni ‘70. Voleva fare tanto per il suo Paese, perché lo ha sempre amato e rispettato».