Menu
Cerca

Un microchip per le analisi del sangue in tempo reale su tablet e pc

Ad aggiudicarsi la tappa in Italia di Meet in Italy for Life Sciences, su 60 realtà, anche DianaX con un microchip in grado di eseguire un'analisi del sangue completa e che potrà essere collegato a tablet o pc per trasmettere i risultati in tempo reale al medico, oltre a Aortic Lab, l'azienda svizzera insediata al Bioindustry Park, con due dispositivi studiati per eliminare le problematiche che possono essere connesse al trattamento della valvola ortica stenotica.

Un microchip per le analisi del sangue in tempo reale su tablet e pc
15 Ottobre 2017 ore 02:15

Ad aggiudicarsi la tappa in Italia di Meet in Italy for Life Sciences, su 60 realtà, anche DianaX con un microchip in grado di eseguire un’analisi del sangue completa e che potrà essere collegato a tablet o pc per trasmettere i risultati in tempo reale al medico, oltre a Aortic Lab, l’azienda svizzera insediata al Bioindustry Park, con due dispositivi studiati per eliminare le problematiche che possono essere connesse al trattamento della valvola ortica stenotica.

Si è chiusa ieri a Torino la quarta edizione di Meet in Italy for Life Sciences, 

il più importante appuntamento italiano dedicato al mondo delle biotecnologie e delle scienze della vita. 

Sotto la Mole si sono ritrovati oltre 400 operatori in arrivo da 36 Paesi per tre giornate di workshop e incontri b2b, che hanno visto oltre 2.250 contrattazioni tra centri ricerche, aziende, start up ed investitori internazionali. 

 
Un settore, quello delle Scienza della Vita, che in Italia pesa per oltre il 10% del PIL e include tre settori: biomedicale, biotecnologie e farmaceutico, per un totale di oltre 180 mila persone impiegate e un valore della produzione di 45 miliardi di euro.
 
L’evento è promosso dall’Enterprise Europe Network ed è stato organizzato da Confindustria Piemonte e dal Polo di innovazione sulla Salute BioPmed, gestito dal Bioindustry Park Silvano Fumero, dal Cluster Tecnologico Nazionale Scienze della Vita ALISEI e dalla Camera di commercio di Torino, in partnership con Regione Piemonte e in collaborazione con Fit for Health 2.0. 
 
Tra i protagonisti dell’evento anche le start up con il lancio di LifeSeeder, la prima  piattaforma italiana di crowdfunding interamente dedicata alle Scienze della Vita, e le cinque vincitrici dell’Italian Healthcare Venture Forum, che a dicembre a Düsseldorf si contenderanno la finale europea con altre 120 start up internazionali. Ad aggiudicarsi la tappa in Italia, su 60 realtà, sono state DianaX (con un microchip in grado di eseguire un’analisi del sangue completa e che potrà essere collegato a tablet o pc per trasmettere i risultati in tempo reale al medico), Aortic Lab (azienda svizzera insediata al Bioindustry Park, con due dispositivi studiati per eliminare le problematiche che possono essere connesse al trattamento della valvola ortica stenotica), Cellply (con piattaforme di diagnostica in vitro per personalizzare la cura oncologica), Greenbone Ortho (trattamento di rigenerazione ossea con impianti derivati da strutture naturali) e Surgica Robotica (l’alternativa al robot Da Vinci con un modello più facilmente trasportabile).
 
Dopo le precedenti edizioni ospitate a Roma, Milano, Firenze e quest’anno a Torino, il 5° appuntamento con Meet in Italy for Life Sciences sarà nel 2018 a Bologna.