CIRIE'

Un polo per l’infanzia da 2 milioni di euro, rotatoria e nuovo polifunzionale: ecco i progetti per Ciriè

L'Amministrazione Devietti ha candidato dei progetti di riqualificazione ai bandi ministeriali per oltre 6 milioni di euro

Un polo per l’infanzia da 2 milioni di euro, rotatoria e nuovo polifunzionale: ecco i progetti per Ciriè
Cronaca Ciriè, 24 Giugno 2021 ore 17:05

Un polo per l’infanzia da 2 milioni di euro, rotatoria
e nuovo polifunzionale: ecco i progetti per Ciriè

L'Amministrazione Devietti ha candidato dei progetti di riqualificazione ai bandi ministeriali per oltre 6 milioni di euro. Se n'è discusso nella commissione di lunedì scorso, convocata nella sala consiliare di palazzo D'Oria. Un paio sono gli ambiti d'intervento in cui gli uffici di palazzo D'Oria si sono mossi nelle scorse settimane, alla fine di definire dei programmi. Il primo riguarda il Ministero dell'Istruzione tramite il quale si cercherà di finanziare il polo dell'infanzia di via Silvio Pellico per 2 milioni d'euro. Le altre opere ammontano a 4.285.354 milioni di euro e sono relativi a tre infrastrutture: il viale alberato, la rotonda della stazione e il nuovo polivalente cittadino. I fondi dovrebbero provenire dal Ministero dell'Interno, se le progettazioni saranno ammesse. La “competizione” è con altre decine di enti locali in tutta Italia. Ha affermato il sindaco Loredana Devietti: «Quelli oramai passati sono stati giorni intensi per predisporre la documentazione propedeutica alla partecipazione di alcuni importanti bandi ministeriali. Il Governo propone spesso queste iniziative ma si rinuncia per mancanza di risorse finanziarie e personale. Nei mesi scorsi si sono stanziati dei contributi per far ripartire l'economia. Grazie ai nostri uffici siamo riusciti a partecipare a bandi significativi. Finalmente abbiamo una base da cui ripartire. Ringrazio gli uffici per aver lavorato alacramente al fine di dare un'ulteriore possibilità all'ente. Se riusciremo ad accedere alle risorse, ne riparleremo in modo approfondito. Prima di tutto si è ipotizzato un polo scolastico, a completamento dell'asilo nido “Il Girotondo”. Intendiamo partecipare sia al bando ministeriale sia a quello dell'edilizia scolastica che esce ogni due anni da parte della Regione Piemonte. Per quanto riguarda le opere di miglioramento del decoro urbano si sono candidati tre interventi. Prima di tutto prevediamo la costruzione di una pista ciclabile lungo il viale della stazione che si raccordi con il sottopasso ferroviario. Quindi desideriamo realizzare una rotatoria. Infine, nel parco di villa Remmert, è nostro desiderio sostituire la tensostruttura con un centro polivalente pluriuso e modulabile internamente. La città ne ha bisogno e potrebbe rappresentare una soluzione ottimale per ricominciare a incontrarsi. Ovviamente sono solo suggestioni e vedremo nei prossimi mesi se qualche progetto sarà finanziato».