Uomo di 42 anni picchiato da ragazzi indagini in corso

L'episodio di violenza duramente stigmatizzato e condannato dagli Amministratori comunali di Cuorgnè

Uomo di 42 anni picchiato da ragazzi indagini in corso
Cronaca Rivarolo, 02 Febbraio 2018 ore 13:47

Uomo di 42 anni picchiato da ragazzi alla fermata del bus a Cuorgnè, mentre sono in corso le indagini delle forze dell'ordine l'Amministrazione comunale condanna duramente l'episodio.

Uomo di 42 anni picchiato da ragazzi

Sono in corso le indagini di carabinieri e polizia municipale per ricostruire con esattezza quanto è accaduto ieri sera in via Ivrea. Intorno alle 18.30, infatti, un uomo di 42 anni picchiato da dei ragazzi è finito all'ospedale. La vittima si trovava insieme alla sua compagna alla fermata dell’autobus, davanti alla filiale cuorgnatese della banca San Paolo. A seguito di una discussione per futili motivi, c’è stata una colluttazione tra il 42enne e due ragazzi.

Indagini in corso

Sull'uomo di 42 anni picchiato da ragazzi in pieno centro è intervenuto anche il sindaco Giuseppe Pezzetto. "In relazione al gravissimo fatto accaduto nel tardo pomeriggio di ieri in quel di Cuorgnè, mi sono immediatamente attivato nella serata di ieri - ha spiegato il primo cittadino - Contattando le forze dell’ordine e la nostra Polizia Municipale, con cui nella mattinata abbiamo fatto il punto della situazione.

Gesto di violenza da condannare

"Si stanno svolgendo le indagini, acquisendo le informazioni necessarie ad individuare dinamiche ed aggressori. Restando in attesa di ulteriori sviluppi, come amministrazione condanniamo con forza questo gesto di violenza gratuita". Sono state le parole del sindaco Giuseppe Pezzetto. Sul caso dell'uomo di 42 picchiato da ragazzi in via Ivrea l'assessore alle politiche sociali, Giacomo Giacoma Rosa ha aggiunto: "Quando succedono fatti simili abbiamo tutti delle responsabilità. Forse bisognerebbe portare i giovani in visita negli ospedali e nelle case di riposo. Per mostrare loro dove c'è il vero disagio, In modo che imparino ad essere uomini e donne con sani principi".