Menu
Cerca

Uomo picchiato alla fermata dell’autobus, le parole di Pezzetto

Un fatto gravissimo, l'appello del sindaco agli aggressori.

Uomo picchiato alla fermata dell’autobus, le parole di Pezzetto
Cronaca Rivarolo, 03 Febbraio 2018 ore 09:42

Uomo picchiato alla fermata

Uomo picchiato alla fermata

Sullo sconcertante episodio dell’uomo di 42 anni picchiato da due ragazzi alla fermata del bus in via Ivrea arriva un appello da parte del sindaco di Cuorgnè, Giuseppe Pezzetto.

Le dichiarazioni del primo cittadino

Il primo cittadino cuorgnatese invita gli autori dell’aggressione a costituirsi.

Ritengo che il mio ruolo di Sindaco e prima ancora di cittadino richieda di inviare queste poche righe ai ragazzi che ieri sera hanno compiuto quel grave gesto di violenza gratuita alla fermata degli autobus in via Ivrea a Cuorgnè. Il gesto è grave sia per chi in prima persona ha compiuto il gesto, sia per chi è rimasto a guardare. Non sono un vostro genitore, non conosco la Vostra storia, non sta a me giudicare, ma se una cosa posso dirvi, se leggerete queste mie poche righe, fatevi furbi ed anticipate gli eventi, rivolgetevi ai Carabinieri, alla Polizia Municipale o in via riservata al sottoscritto … prima è, meglio sarà … non è una minaccia ma un consiglio … le cazzate si fanno, siete ancora troppo giovani per non cercare di rimediare.
P.s. Chiederei a chi legge, di evitare commenti fuori luogo, anche per evitare di scoprire poi di essere un loro genitore.

Grazie. Il Sindaco

Un fatto gravissimo

Già nella giornata di ieri il sindaco Pezzetto si era subito occupato di quanto accaduto alla fermata del bus nei pressi della filiale del paese della Banca San Paolo, stigmatizzando in modo netto quanto accaduto: ” In relazione al gravissimo fatto accaduto nel tardo pomeriggio di ieri in quel di Cuorgnè, mi sono immediatamente attivato nella serata di ieri, contattando le forze dell’ordine e la nostra Polizia Municipale, con cui nella mattinata abbiamo fatto il punto della situazione.
Si stanno svolgendo le indagini acquisendo le informazioni necessarie ad individuare dinamiche ed aggressori. Restando in attesa di ulteriori sviluppi, come amministrazione condanniamo con forza questo gesto di violenza gratuita”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli