Via Battitore a Ciriè, il consigliere Masangui: "Il Comune continua a rimandare la messa in sicurezza"

Dopo interpellanze e discussioni in Consiglio comunale i lavori non sono ancora partiti...

Via Battitore a Ciriè, il consigliere Masangui: "Il Comune continua a rimandare la messa in sicurezza"
Ciriè, 30 Ottobre 2018 ore 18:08

Via Battitore a Ciriè, il consigliere Masangui: "Il Comune continua a rimandare la messa in sicurezza".

Via Battitore a Ciriè, il consigliere Masangui attacca

“Sono molto amareggiato. La riqualificazione di via Battitore era prevista entro il 2018 invece oggi scopriamo di avere tra le mani solo una bozza di progetto. Probabilmente stilato dopo le pressanti richieste in Consiglio comunale e la convocazione della Commissione. Abbiamo iniziato a parlarne proprio in Commissione. Ma è stato soltanto l'inizio...”.

Ha presentato una interpellanza già tempo fa

E' arrabbiato il consigliere di opposizione Mattia Masangui. Del progetto di riqualificazione di via Battitore si parla da tempo. Lui ha presentato anche una interpellanza in Consiglio comunale e ha richiesto la convocazione della 2ª Commissione per entrare nel merito del progetto di riqualificazione dell'importante arteria viaria. O, almeno, del primo lotto. “Stiamo parlando di una zona molto trafficata e importante della città. – prosegue il consigliere – Scopriamo che il primo lotto vedrà l'avvio nel 2019 in primavera, quindi il secondo lotto sarà nel 2020. Stiamo parlando di messa in sicurezza stradale, di viabilità e abbattimento delle barriere architettoniche. Messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali, soprattutto quello situato all'ingresso dell'ospedale che è davvero pericoloso"

"Serve analizzare il flusso veicolare prima di progettare"

"Ad oggi, anziché aver fatto dei ragionamenti confrontandosi con i consiglieri di opposizione su un progetto studiato e concreto. Anziché aver fatto delle valutazioni sul flusso del traffico per trovare delle soluzioni, l'Amministrazione ha pensato bene ad ottobre di presentare una bozza di progetto per la prima volta! Poi – prosegue Masangui – ci sentiamo dire che portiamo degli scarabocchi quando proviamo a proporre una alternativa valida e concreta come fatto per l'area Montessori”.

Il consigliere di opposizione Mattia Masangui

Quello "stop" di troppo...

“A mio avvio, lo stop che precede la rotatoria di prova rallenta il traffico di via Battitore, che è quello che riguarda l'ospedale. – conclude Masangui - Quello che mi amareggia è anche il fatto che quando tramite interpellanza si richiedono delucidazioni e confronti in sede di Consiglio sui costi (250mila euro) e su un eventuale progetto, mai visto fino a qualche giorno fa) venga risposto che occorre presentare una richiesta formale di convocazione per poterne discutere”.