Menu
Cerca
La giovane fornese ha strappato applausi

Al piano Federica Bertot ha ammaliato gli ascoltatori

Figlia d'arte, sta proseguendo una carriera ricca di soddisfazioni, dimostrando tutta la sua bravura e preparazione.

Al piano Federica Bertot ha ammaliato gli ascoltatori
Cultura Alto Canavese, 31 Marzo 2021 ore 13:52

Eccellente esibizione ad Alessandria per la musicista fornese. Al piano Federica Bertot ha ammaliato gli ascoltatori.

Al piano Federica Bertot ha ammaliato gli ascoltatori

Note che arrivano dritte al cuore, per una performance al pianoforte che non è solo la dimostrazione della sua bravura, della sua professionalità e, soprattutto, di quel grande amore che prova per la musica. Da applausi l’esibizione «via web» che lo scorso 24 marzo ha visto protagonista la fornese Federica Bertot, la quale è stata protagonista del «Mercoledì del Conservatorio», andato in scena presso l’Auditorium Pittaluga di Alessandria. Figlia d’arte (il papà è il compianto maestro Mario Bertot, uomo e musicista amato ed apprezzato non solo in Canavese), Federica ha dimostrato nel suo percorso musicale non solo di essere una pianista dal roseo futuro.

Un curriculum davvero di tutto rispetto

Dopo aver iniziato da giovanissima lo studio dello strumento, ha proseguito il suo percorso musicale presso l’Associazione Liceo Musicale di Rivarolo Canavese sotto la guida della direttrice Sonia Magliano, quindi è entrata nell’Accademia Vivaldi di Alessandria, dove ha ottenuto nel 2019 il diploma accademico di Primo livello con la votazione di 110 e lode (seguita da Andrea Carcano), mentre attualmente sta concludendo il biennio di specializzazione in pianoforte classico ad indirizzo concertistico con Sergio Marchegiani. Inoltre, la Bertot è anche tra le docenti del Liceo Musicale canavesano.

Nell’occasione ha suonato Chopin…

In occasione della recente esibizione (che può essere visionata all’indirizzo https://www.youtube.com/channel/UCrd4zhOC1kpIJVuM-OaZHTw) la fornese ha eseguito ballata numero 4 opera 52 in fa minore di Friedrich Chopin, un pezzo dal grande fascino e dalla notevole difficoltà, quest’ultima resa ancora maggiore dal periodo che stiamo vivendo, con il virus ed i «lockdown» che si sono susseguiti che hanno reso il percorso preparatorio non poco travagliato, ma che non ha impedito a Federica di regalare una performance da applausi.