Biblioteca gremita per il primo appuntamento 2020 di Aperibook

Prossimo appuntamento sabato 8 febbraio con ospiti gli scrittori: Debora Bocchiardo e Giulio Civitano.

Biblioteca gremita per il primo appuntamento 2020 di Aperibook
Rivarolo, 17 Gennaio 2020 ore 15:36

E’ iniziato nel migliore dei modi possibili l’anno nel salotto letterario di Cuorgnè. Sabato scorso, 11 gennaio, ottima cornice di pubblico per il primo appuntamento 2020 di Aperibook.

Aperibook 2020

Due libri per emozionare ed emozionarsi. E’ iniziato nel migliore dei modi possibili l’anno nel salotto letterario di Cuorgnè. Sabato scorso, 11 gennaio, in Biblioteca Civica, l’aperitivo con l’autore ha ancora una volta sputo incuriosire, sorprendere e regalare attimi di grande suspense ad un folto pubblico accorso al primo appuntamento 2020 di Aperibook.

Salotto letterario

Alla presenza dell’assessore alla cultura, Lino Giacoma Rosa, del consigliere comunale, Giovanna Cresto, della responsabile della biblioteca, Maria Teresa Cavallo, Patrizia Valpiani, in arte Tosca Brizio, con il su romanzo «L’ombra cupa degli ippocastani», fatto vivere un’atmosfera noir dove le fatiche, le difficoltà nonché la vita di un’artista un po’ speciale, hanno portato a galla un sorprendente ed inatteso mondo sommerso. Maria Cicconetti, con la sua autobiografia «La foto che non c’è», attraverso il dolore vissuto ha invece accompagnato i presenti al sorriso e alla serenità, perché il perdono è pur sempre una fonte inesauribile di rinascita.

Parole e romanzi

«Nelle parole e nei romanzi di Patrizia e Maria abbiamo trovato quelle giuste tracce di speranza capaci di motivarci a vivere meglio, a superare le fatiche e a progredire» hanno commentato gli organizzatori. Al termine della presentazione un gustoso aperitivo offerto da Area Servizio 33. Prossimo appuntamento sabato 8 febbraio con ospiti gli scrittori: Debora Bocchiardo, autrice de La donna di Swarovski, e Giulio Civitano con «La Repubblica delle muse».

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve