Cultura

Parte la stagione dei concerti nella chiesa di San Giorgio in Valperga

Un’altra novità di questa stagione è l’assegnazione, da parte dell’Associazione, di un premio ad un giovane musicista talentuoso segnalato da un’apposita commissione.

Parte la stagione dei concerti nella chiesa di San Giorgio in Valperga
Cultura Rivarolo, 29 Maggio 2019 ore 16:13

Ultimi preparativi per la stagione dei concerti nella chiesa tardomedievale di San Giorgio in Valperga. Si parte sabato primo giugno alle ore 21.

Stagione dei concerti nella chiesa di San Giorgio

Parte la stagione dei concerti nella chiesa tardomedievale di San Giorgio in Valperga. I concerti di quest’anno sono tre e si svolgeranno alle ore 21 dei giorni primo giugno (sabato), 8 giugno (sabato) e 16 giugno (domenica). Il primo concerto, eseguito dai Quincy Blue Choir, condotto dal maestro Lorenzo Vacca, ci farà ascoltare dei brani Gospel tradizionali, popolari e recenti che, per le loro peculiarità, si accordano con l’ambiente in cui verranno presentati. Alle ore 19, imperdibile "vernissage" con un "Inno alla primavera" a cura de Il Coro e Ensemble Strumentale Delle Classi 2P - 2R Indirizzo Servizi Socio-Sanitari del 25 Aprile-Faccio a cura del professor Alessandro Fornero, docente di musica e canto corale.

Appuntamenti imperdibili

Il secondo, eseguito dal trio Basso, Contrabbasso e Pianoforte, presentato dal prof. Giuseppe Nova ci porterà dalla musica di Bach alle composizioni di Bolling, famoso per le sue rielaborazioni bachiane in chiave jazzistica.
Il terzo concerto sarà eseguito da un Qunitetto di ottoni, presentato dal prof. Ercole Ceretta, che fanno parte dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI ed eseguiranno un repertorio dove la musica contemporanea americana si confronterà con quella italiana.

Cornice suggestiva

Si tratta della 21esima edizione per i concerti nella chiesa tardomedievale di San Giorgio in Valperga. "La scelta di questo repertorio, singolare rispetto a quello degli anni precedenti, è stata fatta appositamente per introdurre musica contemporanea, entrata ormai a far parte del classico, tale da poterla definire anch’essa “musica classica” - spiegano gli organizzatori - Così forse potremo accontentare l’orecchio di coloro che sono maggiormente attratti da sonorità moderne, senza deludere gli appassionati di repertori più antichi. Un’altra novità di questa stagione è l’assegnazione, da parte dell’Associazione, di un premio ad un giovane musicista talentuoso segnalato da un’apposita commissione. I gruppi che si propongono sono di alto livello professionale. Speriamo di accontentare tutti".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter