Menu
Cerca

Grande pubblico all'inaugurazione della mostra “Centoquarantacolori”

La mostra rimarrà aperta fino a domenica 31 marzo.

Grande pubblico all'inaugurazione della mostra “Centoquarantacolori”
Cultura Rivarolo, 24 Marzo 2019 ore 15:20

Inaugurata ieri la mostra “Centoquarantacolori”, bi-personale di Bianca Sandri e Dario Faccaro.

Mostra “Centoquarantacolori”

Pubblico delle grandi occasioni per il taglio del nastro ieri, sabato 23 marzo 2019, a Castellamonte, presso il centro congressi Martinetti, della mostra bi-personale di Bianca Sandri e Dario Faccaro dal titolo “Centoquarantacolori”. A fare gli onori di casa nell’occasione il sindaco Pasquale Mazza e il giornalista Mauro Michelotti.

La mostra rimarrà aperta fino a domenica 31 marzo e sarà visitabile da lunedì a venerdì dalle 15.30 alle 18.30, mentre nel fine settimana dalle 10 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30. All'inaugurazione erano presenti, tra gli altri, anche il vice sindaco, Teodoro Medaglia, l'assessore, Patrizia Addis, e il consigliere comunale, Claudio Bethaz.

Dario Faccaro

Dario Faccaro ha iniziato a dipingere parecchi anni fa da autodidatta spinto dal desiderio di mettere su tela scorci del suo amato Canavese.
E’ sempre alla costante ricerca di angoli rustici e vecchi casolari che appaiono abbandonati ma ai quali basta un panno appeso o un vaso di fiori per dire che lì la vita è ancora presente. Ama i colori caldi che diffonde sia nei suoi paesaggi agresti e montani, sia nelle nature morte che nei mazzi di fiori che cantano un inno alla natura festante. Ha al suo attivo diverse personali e collettive in Canavese e non solo. E’ anche stato premiato e segnalato in concorsi locali.

Bianca Sandri

Bianca Sandri è diplomata al Liceo Artistico, successivamente ha frequentato l’Accademia Albertina delle Belle Arti. Si dedica al mondo della ceramica creando bassorilievi in miniatura e contemporaneamente dipinge ad olio creando immagini surreali, oniriche ed elaborando una tecnica personale di matrice surrealista “I contenuti nascosti nella mente le consentono di librarsi nei mondi della fantasia, del passato e del futuro, fornendo ampie visioni magiche per l’osservatore…”. La sua ricerca la porta a cimentarsi con tecniche nuove ed antiche e frequenta poi la Scuola per “Operatori dell’Affresco” diplomandosi in quest’arte. Ha partecipato a diversi concorsi in Italia ed all’estero vincendo numerosi premi. Vive e lavora a Castellamonte.