L'opera

M5S Ivrea: “La nuova biblioteca comunale è un’esigenza”

Il gruppo pentastellato chiede in un comunicato maggiore impegno all'amministrazione comunale.

M5S Ivrea: “La nuova biblioteca comunale è un’esigenza”
Ivrea, 05 Settembre 2020 ore 10:28

M5S Ivrea: “La nuova biblioteca comunale è un’esigenza”. Il gruppo pentastellato chiede in un comunicato maggiore impegno all’amministrazione comunale.

M5S Ivrea: “La nuova biblioteca comunale è un’esigenza”

Ormai da tempo a Ivrea si parla della realizzazione di una nuova biblioteca comunale: a schierarsi pubblicamente a favore dell’opera sono anche gli attivisti del M5S Ivrea. “Il nostro gruppo politico – scrivono i pentastellati in un comunicato – sostiene da tempo l’esigenza di realizzare la nuova biblioteca comunale e coerentemente, presentando mozioni e interpellanze in Consiglio, agisce per favorire incontri e studi preliminari affinché si possa arrivare quanto prima alla sua progettazione e realizzazione. Come saprete da almeno tre legislature si discute, ma dopo alcuni costosi errori di progettazione non è stato fatto nulla di risolutivo. Nonostante i bei proclami elettorali delle passate amministrazioni di sinistra e gli impegni presi di fronte all’elettorato dal Sindaco ad ora non esistono progetti e studi concreti e tantomeno è stato deciso in quale parte del centro storico realizzarla. Sebbene la fondazione Guelpa sia stata costituita per realizzare l’opera e disponga di sufficienti risorse economiche dopo quindici anni ci troviamo al punto di partenza. Neppure nei progetti relativi al nuovo piano regolatore si pone attenzione alla biblioteca e tantomeno al recupero della disastrata area dell’ex Cento Culturale La Serra; una incomprensibile disattenzione al centro storico e alla crisi profonda delle attività economiche che vi operano”.

Attività politica

Il gruppo ha presentato due mozioni in consiglio comunale. “Nel mese di maggio – continuano i grillini – abbiamo presentato in Consiglio una mozione, approvata all’unanimità, dove si chiedeva all’Amministrazione di attivare gli uffici competenti allo scopo di avviare studi di carattere urbanistico e ingegneristico finalizzati a una scelta definitiva sull’allocazione più idonea alla sua realizzazione. Sempre per favorire il cammino verso la realizzazione della biblioteca nell’ultimo Consiglio comunale di luglio abbiamo presentato con i gruppi di minoranza una seconda mozione che impegnava l’Assessore alla Cultura e il Presidente della Commissione Cultura a organizzare e convocare una seduta della Commissione sul tema della biblioteca prima dell’interruzione estiva delle attività del Consiglio. Nel documento presentato si chiedeva che venisse sollecitata la presenza del CdA della Fondazione Guelpa affinché potessero essere illustrati i risultati del percorso di approfondimento svolto nel 2017 sul tema delle nuove biblioteche”.

L’incontro

Un importante faccia a faccia è previsto nei prossimi giorni. “Grazie all’attenzione dell’assessore Costanza Casali – concludono i pentastellati – le richieste della minoranza sono state accolte ed è stata convocata la Commissione Cultura per il 9 di settembre. La presenza del Cda della Fondazione Guelpa renderà possibile un franco confronto per verificare se, dopo anni di quasi completa inerzia, la Fondazione intenda veramente impegnarsi, coerentemente con il mandato del suo statuto, per realizzare l’opera. Sarà nostro impegno futuro, reso possibile dai regolamenti democratici del Consiglio e dal lavoro delle sue Commissioni, operare affinché si proceda con forza alla realizzazione della nuova biblioteca comunale che riteniamo essenziale allo sviluppo della città e del suo centro storico. Vogliamo coinvolgere, con l’aiuto dei gruppi politici che lo riterranno, i cittadini, le associazioni, la scuola nella progettazione dei servizi e della struttura della nuova biblioteca. Ritengo sia necessario interessare la comunità, l’aiuto dato dalla partecipazione potrebbe essere decisivo”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità