Menu
Cerca

Pietra di inciampo in ricordo di Moise Poggetto per la giornata della memoria

Cittadino lanzese di origini ebraiche deportato ad Auschwitz.

Pietra di inciampo in ricordo di Moise Poggetto per la giornata della memoria
Cultura Lanzo e valli, 23 Gennaio 2018 ore 13:19

Pietra di inciampo posata a Lanzo in memoria di Moise Poggetto.

Pietra di inciampo

Passeggiando in via Umberto I, all’ombra della Torre di Challant, da oggi i lanzesi, ma non solo, potranno ricordare Moise Poggetto e domandarsi chi fosse quell’uomo a cui è stata dedicata una mattonella dorata con il suo nome, incastonata nel marciapiedi.

Chi era Moise Poggetto

Era un cittadino lanzese di origini ebraiche. Figlio di Emilio Poggetto ed Enrichetta Rebecca Foà, nato in Svizzera, a Olten, il 24 maggio 1875, Moise Poggetto era il marito di Natalina Rolando. Viveva a Lanzo ed è stato arrestato al tempo della Seconda Guerra Mondiale e deportato nel campo di sterminio di Auschwitz. Non è sopravvissuto alla Shoah.

Giorno della Memoria

“Il convoglio che lo ha strappato dall’affetto dei sui cari è partito da Verona il 2 agosto del 1944”, hanno ricordato mercoledì 17 gennaio, durante la commemorazione del “Giorno della Memoria” organizzata dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con le scuole.
Con qualche settimana di anticipo rispetto al solito, infatti, si è svolta la giornata che ogni anno si propone di “ricordare” cosa avvenne in quei giorni di guerra e di follia, oltre cinquant’anni fa. Quest’anno il sindaco, Tina Assalto, ha voluto organizzare un momento speciale, la posa di una “Pietra d’inciampo” in memoria di Moise Poggetto, che è stata effettuata dallo scultore tedesco Gunter Demnig in sua memoria, davanti all’abitazione di un tempo, all’altezza del civico 56 di oggi.

La cerimonia

Tanta commozione tra gli intervenuti in via Umberto I. Dopo la posa, poi, è partito un corteo, guidato dalla Banda Musicale di Lanzo del Maestro Giacinto Alasonatti, verso piazza Rolle, per un omaggio al cippo delle scuole, dove hanno preso la parola gli allievi delle classi III della Scuola Secondaria di I grado. A seguire, poi, il corteo si è spostato davanti al monumento ai deportati ebrei ad Auschwitz, nel viale del cimitero, per la cerimonia di commemorazione.

3 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli