Cultura

Storia del Grande Torino in lingua piemontese

“Mach ël destin a l'ha poduje fërmé”.

Storia del Grande Torino in lingua piemontese
Cultura Rivarolo, 03 Marzo 2018 ore 12:03

Storia del Grande Torino, il libro di Flavio Peiranni tradotto in piemontese da Vittoria Minetti.

Storia del Grande Torino tradotto in piemontese

Un progetto culturale e una favola, anzi “la favola”, tanto bella quanto tragica e commovente, di una delle più grandi squadre che il calcio mondiale abbia prodotto: il grande Torino.

Si chiama “Mach ël destin a l'ha poduje fërmé”. E’ più di un semplice libro. Si tratta di una storia ricca di emozioni, un racconto per grandi e bambini, da leggere anche e soprattutto in dialetto.

L'autrice è Vittoria Minetti

Merito della brava e preparata canavesana, Vittoria Minetti, stimata insegnante di piemontese. E’ stata lei infatti a tradurre il volume di Flavio Peiranni, edito da Bradipolibri con prefazione di Mario Brusa. Un modo originale e importante per riscoprire le nostre tradizioni e la nostra identità culturale.

Un'iniziativa nata per caso

«E’ una iniziativa nata un po’ per caso – spiega Vittoria Minetti – Con la classe castellamontese del corso di piemontese eravamo a Drusacco per un incontro sul dialetto. Tra il pubblico partecipava la suocera dell’editore, che mi ha chiesto se fossi interessata al progetto. Non era una novità assoluta per me: ho già tradotto in piemontese Voci del cuore di Amerigo Vigliermo del coro Bajolese. E’ stata una bella avventura. Quando è successa la tragedia di Superga ero molto piccola, ma ricordo la grande tristezza provata dalla mia famiglia per quanto successo. Mio padre era un tifoso di quella straordinaria squadra e recitava a memoria i nomi di tutti i giocatori. Mi ha appassionato tradurre il libro di Peiranni perché racconta l’emozionante e struggente vicenda di questi giovani ragazzi e contemporaneamente la storia del nostro Paese. Mi sono tolta anche qualche piccola soddisfazione, quando si parla della Guerra, nel definire Hitler “bas e brut con quei dui barbis”».

Per chi volesse partecipare ai corsi di piemontese di Vittoria Minetti, invece, l’appuntamento è per ogni mercoledì sera dalle 17 in bilioteca a Castellamonte.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter