Economia
emergenza covid-19

La Sata di Valperga ottiene 2mln di euro di finanziamento da Unicredit grazie a Garanzia Italia

L’operazione rientra nel piano di supporto della Banca all’economia del territorio.

La Sata di Valperga ottiene 2mln di euro di finanziamento da Unicredit grazie a Garanzia Italia
Economia Alto Canavese, 15 Luglio 2020 ore 09:57

La Sata di Valperga ottiene 2mln di euro di finanziamento da Unicredit grazie al programma Garanzia Italia di Sace.

Sata di Valperga ottiene 2mln di euro di finanziamento

Sata, azienda attiva da decenni nella produzione di componenti meccaniche in acciaio, in ghisa e in alluminio, ha definito con UniCredit un’operazione di finanziamento da 2 milioni di euro, assistita dalle garanzie rilasciate in poche ore da Sace nell’ambito del programma Garanzia Italia.

Settore automotive

L’azienda, a gestione familiare con direzione generale a Valperga nel Canavese e stabilimenti in Italia e all’estero (Argentina, Brasile, Cina, India, USA), opera principalmente nel settore dell’automotive, ad oggi tra i più colpiti e compromessi a seguito della crisi economica e commerciale innescata dall’emergenza Covid-19. La liquidità ottenuta per mezzo del finanziamento sarà destinata sia a fronteggiare l’incremento della necessità di circolante sia a supporto di nuovi investimenti

Le parole dell'Ad Michele Cinotto

“L’azienda sta affrontando le problematiche causate da Covid 19 – ha evidenziato Michele Cinotto Presidente ed Amministratore Delegato Sata spa – avvalendosi anche di quanto previsto dal Decreto Liquidità. UniCredit e Sace si sono dimostrate attente e disponibili a supportare i piani di sviluppo e le esigenze finanziarie necessarie, concludendo l’operazione in tempi rapidi”.

Il commento del manager Unicredit Simonini

“Con quest’operazione - ha sottolineato Fabrizio Simonini, Regional Manager Nord Ovest UniCredit – proseguiamo nel nostro percorso di affiancamento delle imprese sul territorio piemontese, in un periodo tuttora molto delicato nel processo di ripartenza dopo l’emergenza sanitaria globale. Ancora una volta confermiamo la nostra piena operatività su tutte le possibili soluzioni previste dal Decreto Liquidità, supportando nello specifico una realtà storica e prestigiosa dell’industria meccanica italiana”.